7.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Film a confronto: Il Sabba vs The Witch

HomefilmFilm a confronto: Il Sabba vs The Witch
la notizia dopo la pubblicità

I cinema sono chiusi, sappiamo. Per ovviare a questa assenza che rende le nostre giornate meno ricche e, data la pandemia ben poco possiamo fare, le possibilità di accedere ai servizi Netflix ci permette di viaggiare attraverso il tempo delle uscite dei film, vedere titoli del passato come se fossero di oggi. Si può navigare, saltare di film in film, come se tutto fosse un eterno presente in attesa che si esca da questo momento drammatico.
E ciò comprende la possibilità di fare dei confronti e dei paralleli. È stato quindi interessante per me vedere un titolo nuovo di zecca e un film che ha già sei anni, accomunati dallo stesso tema: le streghe.
Non a tutti piacciono i confronti ma questi nell’arte sono non solo possibili ma legittimi se non determinanti; non si deve avere paura di porci di fronte a film che hanno lo stesso tema e cercare di capire come han risolto la materia e se certi titoli, a torto o a ragione, sono migliori di altri.
Il sabba” è l’ultima opera del regista Aguero, sconosciuto in Italia ma già con un buon pugno di titoli e una ricca messe di premi (ben cinque Goya). Racconta di un gruppo di ragazze basche

arrestate da un inquisitore durante i primi anni del Seicento. Mentre attendono il ritorno dei loro padri o compagni dalla pesca vengono radunate e gettate in una cella in attesa di subire il processo di inquisizione. “Akelarre” significa “cerimonia” nella lingua basca. Il gruppo di amiche comunicano tra di loro in basco e il film è un continuo tentativo di evitare la pena, ovviamente ingiusta e basata su accuse sibilline; pena comminata da un Inquisitore subdolo e represso assieme al suo scrivano e a un frate inerme. Lo stratagemma di immedesimazione in strega guidato da una di loro, che si finge colpevole vera per scagionare le altre porterà a una rappresentazione di un sabba fittizio.
Ciò che il regista vuole raccontare è a un primo sguardo una metafora della condizione femminile: basta un’infarinatura di storia della stregoneria per sapere che le donne erano semplicemente delle vittime dei soprusi di un potere inevitabilmente declinato al maschile, in cui superstizione, arbitraria interpretazione della Bibbia e frustrazione sessuale convivevano e giustificavano torture e giustizia sommaria.
Il film è interessante e abbastanza maturo; le protagoniste vivono in una totale alterità, linguistica, di genere e persino anagrafica. Sono giovani, creative, vitali. Ci sono diverse scene che restano impresse, soprattutto il finale, con questo sabba improvvisato in cui elementi casuali, messinscene posticce e una forza libidica che si instaura nel vortice della danza selvaggia lascia sicuramente il segno.

E ho pensato al film del 2015 di Eggers, “The V vitch” il quale ha certamente in comune il discorso del femminile nella stregoneria, quest’ultima come liberazione della giovane protagonista. Il film di Eggers a un primo sguardo appare più maturo del precedente e mette in gioco una serie di elementi simbolici e un clima di fiaba nera, governati da un panorama afflitto da un cielo opaco e perlaceo. Carta vincente del film è la scelta della protagonista: quella Anya Joy Taylor, già vista in “Split” di Shyamalan e soprattutto nella riuscitissima serie Netflix “La regina degli scacchi”. Nonostante l’età la Joy ha una consapevolezza dei suoi mezzi artistici e della sua presenza cinematografica da lasciare stupefatti per un’artista così giovane.
“The V vitch” pare non avere nessun tassello nel posto sbagliato. Fotografia splendida, possibilità di letture molteplici (una mia personale è una rappresentazione della vita di una famiglia che esce dalla Grazia di Dio, supera l’anello di confine e si trova catapultata nel caos). Ma nonostante le encomiabili qualità del film di Eggers, tra cui un finale strepitoso, si ha come l’impressione che i simboli presenti nel film siano messi in maniera didascalica e quasi meno potenti che a una prima impressione.
Il film è stato girato in non molto tempo ma ha alle spalle quattro anni di ricerche storiche su manoscritti antichi. È un film seducente, che forse rinfresca le nostre pupille in un mondo cinematografico horror in cui tutto si mostra troppo e si crede che per spaventare basti la tecnica dello “jump scare” e non la capacità di immergere lo spettatore in un clima ignoto in cui siamo costantemente immersi in una dimensione ambigua e terrorizzante che non si manifesta mai del tutto.

la notizia dopo la pubblicità

Alla fine tra i due titoli, se sicuramente Eggers esprime una sin troppo matura competenza del mezzo a confronto del più semplice “Sabba”, non è detto che il suo film, pur nella maggior ricchezza di simboli e allusioni e con delle scene di alto livello (vedi la morte del figlio maschio della famiglia, che potrebbe ricordare Dreyer e ha un giovane interprete favoloso) sia sempre più efficace del più diretto e trasparente film di Aguero. Ma son comunque due film che meritano di essere visti; due film che assumono in pieno il discorso del femminile del passato riportato come metafora dei giorni nostri

IL SABBA
(Akelarre-2020, Spagna)
Regia Pablo Aguero
Con: Amaia Aberasturi, Alex Brendemul

THE V VITCH
(id. USA/UK/Canada)
Regia: Robert Eggers
Con Anya Taylor Joy, Ralph Ineson, Katie Dickie

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Giovanni Natoli
Giornalista e critico cinematografico. Puntuale testimone della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, pubblica le sue recensioni sulla rubrica 'Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico'.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...