Grandi navi a Venezia, le compagnie di crociera si autoregolamentano

ultimo aggiornamento: 20/04/2014 ore 19:35

292

stop grandi navi venezia

Un passo importante compiuto da chi le grandi navi da crociera a Venezia ce le manda. La Clia, Cruise Lines International Association, ha deciso che dal 30 novembre non invierà più le grandi navi da crociera sopra le 96mila tonnellate di stazza, attraverso il bacino di San Marco e dal canale della Giudecca, a Venezia.

La notizia emerge dalla riunione tra il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, quello dell’Ambiente Gianluca Galletti e il sottosegretario dei Beni Culturali Ilaria Borletti Buitoni.

«Nel corso della riunione – si legge nella nota ufficiale – si è preso atto di un impegno della Clia (Cruise Lines International Association) con il quale l’associazione delle Compagnie di navigazione fa volontariamente e unilateralmente proprie le disposizioni della Capitaneria di Porto sulle restrizioni imposte al transito delle grandi navi nel bacino di San Marco, sospese recentemente dal Tar».

«In particolare: dal 30 novembre 2014 le navi con stazza lorda superiore alle 96.000 tonnellate non passeranno più dal Bacino di San Marco e dal canale della Giudecca; da subito le Compagnie si impegnano a impiegare carburanti per uso marittimo con tenore di zolfo non superiore allo 0,1%in massa, dall’ingresso e per tutta la permanenza in Laguna; la riduzione già dal 2014 dei transiti delle navi da crociera di oltre 40 mila tonnellate nel canale della Giudecca».

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here