7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Grandi navi a Venezia e confusione di idee

HomeGrandi Navi a VeneziaGrandi navi a Venezia e confusione di idee
la notizia dopo la pubblicità

Grandi navi, accordi e disaccordi, salvaguardia della laguna, lavoro, turismo, crociere, appuntamenti importanti come il convegno Unesco in prossimità, il ritrovo a Venezia dei ministri del G20 e l’estate che avanza con la festa del Redentore.
Gli ipotetici ormeggi a Marghera, previsti per il 5 Luglio sono in forse non solo nella loro attuazione ma negli stessi criteri che ne hanno ispirato l’ipotesi.
Si rinvierà, ma rimane alto e irrinunciabile l’enunciato per il quale gli ambientalisti considerano anche Marghera laguna e che quindi anch’essa debba essere salvaguardata.
Un altalenarsi di decisioni e ripensamenti ha caratterizzato il dibattito dopo le ultime decisioni governative, che alla luce di un’articolata valutazione, hanno indotto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia a raggiungere Roma, il Governo e i ministeri competenti in materia e il Ministro Renato Brunetta, nominato dal presidente Mario Draghi Commissario di Venezia.
Sembrerebbe, condizionale d’obbligo, che la laguna, il bacino di San Marco saranno gradualmente esonerate dal passaggio delle Grandi navi ma ancora sull’aggettivo ‘grandi’ si dovrà ragionare.
Così come non sono chiari i tempi e

le risoluzioni capaci di armonizzare le esigenze ambientali con quelle dei lavoratori della crocieristica e dell’economia più in generale.
Uno sguardo d’insieme auspicato, sia dal Comitato No Grandi Navi, che dai lavoratori portuali, che in una recente intervista hanno dichiarato: ”Noi non siamo incaponiti ad andare nel canale della Giudecca, anzi anche noi come loro non vogliamo andare alla Giudecca. Purtroppo abbiamo assistito in questi anni alla volatilità della politica. Roma e Venezia non sempre hanno visto le cose nello stesso modo. Noi alla politica chiediamo di darci una valida alternativa. Aspettiamo di vedere le opzioni sul tavolo. Le soluzioni ancora non ci sono. A noi vanno bene gli ‘accosti diffusi’, ci riferiamo a Fusina, Tiv, Vecon e Marghera Nord, che però allo stato sono inadeguati alla crocieristica. Però è l’unico modo per decongestionare la Giudecca”.

Luca Zaia ha preteso chiarezza dal Ministro alle Infrastrutture, ha espresso tutta la sua contrarietà soprattutto per i contraccolpi che avrà la Venezia terminal passeggeri, la società di cui la Regione è azionista tramite Veneto Sviluppo.
Ha ribadito che non si può lasciare la città in questo stato di incertezza. Le navi arriveranno o no? E dove attraccheranno?, a Trieste, a Monfalcone?

Tutti o quasi sono insoddisfatti del decreto governativo che ha garantito il non passaggio delle navi a San Marco e nel canale della Giudecca, mentre si è assistito al contrario, mettendo in crisi e in trambusto la città.

Inoltre, come sostiene il Partito democratico, che pur fa parte di questo Governo, è possibile cambiare il corso delle cose dall’oggi al domani, senza prevenirne gli effetti?
Senza interrogarsi seriamente sul da farsi?

Il deputato veneziano Nicola Pellicani critica il Governo per la stesura di decreti provvisori, nati senza un doveroso rapporto con la città e le sue esigenze.

Nel frattempo, la Regione e il Comune vorrebbero adattare il Canale Vittorio Emanuele, per fare arrivare le navi a San Basilio entrando dalle bocche di porto di Malamocco e non dal Lido, come è successo fino ad ora.
Rimangono i problemi del come si possa adattare il canale, la misura e la quantità delle navi.

E se questa sia la giusta soluzione.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Il terminal crocieristico in una Venezia già al collasso per la pressione turistica è stato un regalo a pochi imprenditori e un danno ed un rischio insostenibile per la città. Gli incidenti recenti hanno dimostrato fuori di ogni dubbio l’insostenibilità di questa situazione (ed è triste che debba essere Le Monde a ricordarcelo), ma le soluzioni proposte sembrano essere le classiche pezze peggiori del buco. Nel migliore dei casi, scavi di nuovi canali ed aumento del traffico nel Canale dei Petroli (con già ben documentati danni alla città ed all’ecosistema lagunare) e, nel peggiore, con costosissimi e paesaggisticamente impattanti (vedi Duferco) porti offshore. Purtroppo sembra che nessuno dei nostri governanti abbia il coraggio di guardare in faccia la realtà: si cerca di procrastinare la pericolosissima situazione attuale inventandosi concorsi di idee utili solo a perder tempo (e dopo un anno di pausa per il covid). A dieci anni dall’incidente della Costa Concordia si sarebbe dovuto invece prendere atto della assoluta incompatibilità tra la città e la laguna con la crocieristica mostruosa e deviare questa in località più idonee (Monfalcone, Trieste) ed altrettanto attraenti per paesaggio, preservando i posti di lavoro con accordi interregionali e potenziando e velocizzando i trasporti tra Venezia e Trieste, con vantaggio per tutti.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...
spot

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...
Advertisements

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...