5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Giornata della Memoria, Zaccariotto alla cerimonia di consegna medaglie d’onore

HomeNotizie Venezia e MestreGiornata della Memoria, Zaccariotto alla cerimonia di consegna medaglie d'onore
la notizia dopo la pubblicità

presidente zaccariotto consegne medagli onore gionata ricordo

Oggi lunedì 27 gennaio, Giornata della Memoria, a Ca’ Corner in Prefettura la presidente della Provincia Francesca Zaccariotto ha partecipato alla cerimonia di consegna delle medaglie d’onore, a cura del prefetto di Venezia Domenico Cuttaia, a cittadini italiani della provincia veneziana – militari e civili deportati e internati nel lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra, e ai familiari dei deceduti. Presenti anche il vicesindaco del Comune di Venezia Sandro Simionato, il questore Vincenzo Roca, il rappresentante della comunità ebraica veneziana Paolo Navarro Dina, il rabbino capo Rav Gili Benyamin, i rappresentanti dei comuni di provenienza dei premiati, le autorità civili e militari, una delegazione di insegnanti e studenti delle scuole primarie e secondarie veneziane.

La Presidente Francesca Zaccariotto ha dichiarato: «Ringrazio il Prefetto per l’opportunità che abbiamo avuto oggi di celebrare assieme la giornata della Memoria. Come Provincia abbiamo intrapreso una strada che ci permette di lavorare da qualche anno con i giovani studenti delle superiori. Anche quest’anno con gli istituti scolastici del territorio promuoviamo eventi culturali e spettacoli per celebrare il Giorno della memoria con una finalità formativa e di approfondimento di una pagina tragica della nostra storia. Quest’anno abbiamo organizzato tre appuntamenti teatrali negli istituti scolastici di Dolo, Mirano e Mestre, che coinvolgeranno oltre un migliaio di studenti. Tutti noi abbiamo non solo il dovere, ma la necessità di non dimenticare, e l’opportunità -attraverso le parole di chi c’era- di far capire ai giovani un terribile capitolo di storia del nostro territorio, del nostro paese e del mondo».

Tra i premiati, l’unico sopravvissuto ultracentenerario presente è stato Ferruccio Scarpa di Mira. Gli altri riconoscimenti sono stati consegnati ai rappresentanti dei Comuni e ai familiari; per Annone Veneto Valentino Verona, Concordia Sagittaria Tarcisio Flaborea, Fossò Giovanni Grillo, Jesolo Giacomo Giovanni Compardo, Portogruaro Antonio Bragato, Giobatta Buttarello, Antonio Giroldo e Giovanni Sonzin; Scorzè Alfonso Zamparo; S. Maria di Sala Egino e Giovanni Seliziato, San Stino di Livenza Lino Zulianello.

Redazione

[27/01/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...