mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Giochi, and the winner is: Kingdomino, italiano

HomegiochiGiochi, and the winner is: Kingdomino, italiano

Giochi, and the winner is: Kingdomino, italiano

Lo ripetiamo ormai da un poco di tempo: per fortuna l’Italia si avvia ad uscire dalla fase “periferia del mondo ludico” per tornare a dare la giusta importanza al settore del gioco.
Aumento delle case di produzione, aumento dei giocatori, aumento della visibilità sia nei canali distributivi “tradizionali” sia (per ora, a dire il vero, solo parziale…) nella grande distribuzione.

E c’è un segnale chiaro di questo: mentre fino a pochi anni fa i giochi PRIMA vincevano i principali titoli internazionali e POI (forse…) venivano distribuiti, ora accade l’esatto contrario, con la possibilità di nuove edizioni magari “strillando” in copertina il premio.

Onore e merito, dunque, alla vecchia volpe di Gianfranco Fioretta che, dopo lo “scippo” passato (perché New York 1901 meritava OGNI premio a disposizione) trova, con un prodotto semplice, giocabilissimo e stranamente poco german per gli standard german, la vittoria (non) annunciata dello Spiel des Jahres, l’Oscar del mondo ludico internazionale.

Il bello di Kingdomino è che si descrive e si impara veramente nel tempo che serve a defustellare le kingdomino box 1tessere: per vincere bisogna espandersi sul tavolo, tessera dopo tessera, paesaggio dopo paesaggio, in modo da raccogliere più punti possibile grazie all’estensione del territorio, e agli edifici presenti.

Ok, fermi un attimo e partiamo col l’obiezione che chiunque abbia un minimo giocato potrebbe dire: mancano le pecore e i contadini e abbiamo davanti i Coloni di Carcassonne. Giusto, ma se si riesce ad ottenere in un singolo prodotto la giusta fusione dei due giochi introduttivi perfetti al mondo ludico, che cosa pretendere di più?

Per i miscredenti, comunque, sintetizziamo in breve le regole: Si scelgono un castello e un re di un colore. Il castello viene piazzato su una tessera di partenza, mentre i re serviranno a segnare la tessera territorio scelta nel round. A turno, si prendono a caso 4 o 3 tessere a seconda dei giocatori, si piazza il proprio re su una delle tessere scelte e messe in ordine crescente.

Alla fine dei singoli turni, il giocatore che ha posizionato il re nella tessera col numero più basso posiziona la tessera scelta nel proprio regno secondo due sole regole: tutte le tessere devono essere collocate all’interno di un blocco 5×5 e la nuova tessera dovrà essere collegata ad una presente facendo corrispondere almeno uno dei due paesaggi raffigurati (oppure connessa alla tessera di partenza che vale come jolly). Per il punteggio, si considereranno i paesaggi uguali contigui (“domini”) e il numero di corone raffigurate.

Lineare, semplice da capire, veloce da giocare e – data la variabilità delle tessere – anche complesso strategicamente. Non ci sono scritte o carte “speciali” da analizzare, non esiste una strategia vincente kingdomino box 2di partenza che blocchi i giocatori, gli sbagli si possono recuperare con una buona strategia. Il tutto, con una grafica piacevole e immediata e una propensione all’acquisto compulsivo delle espansioni che sicuramente arriveranno.

Complimenti a chi ha votato, e a chi ci ha creduto in Italia ben prima del premio.

Kingdomino di Bruno Cathala, Blue Orange Games, in Italia distribuzione Oliphante. Gioco di posizionamento strategico di tessere per 2-4 giocatori dagli 8 anni in su. Difficoltà medio-bassa, durata di una partita 15 minuti circa, totale indipendenza dalla lingua. Prezzo 19,90 euro

Massimo Tonizzo

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Massimo Tonizzo
Giornalista, esperto di giochi, organizzatore di fiere e eventi. E' presente in tutte le più importanti manifestazioni tematiche nazionali ed internazionali da cui invia reportage e recensioni.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...