22.7 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Furti sulle auto in sosta a Jesolo, arrestato marocchino

HomeLido di VeneziaFurti sulle auto in sosta a Jesolo, arrestato marocchino

Mahdi CHAOUQUI marocchino arrestato furto d'auto

Durante la notte del 14.09.2014, i Carabinieri della stazione di Eraclea hanno proceduto all’arresto di Mahdi Chaouqui, cittadino marocchino di 31 anni, senza fissa dimora, sorpreso mentre stava tentando di commettere un furto a bordo di autovettura in sosta a Jesolo lido.

Verso le 02.30 di domenica, infatti, due guardie particolari giurate della Società Serenissima di Venezia, nel passare davanti al parcheggio di un hotel di via Dei Mille di Jesolo Lido, hanno notato un soggetto che si stava aggirando tra le autovetture in sosta. Poco dopo, nel vedere accendersi la luce dell’abitacolo di una delle stesso, hanno immaginato che potesse essere in atto un furto, decidendo di verificare.

Le due guardie hanno cosi sorpreso il marocchino sopra indicato che aveva già commesso un’effrazione alla portiera di una Fiat Croma e si accingeva a rovistare all’interno per commettere un furto. Dopo avere allertato la centrale operativa dei Carabinieri di San Donà, che ha inviato tempestivamente sul luogo una pattuglia della stazione di Eraclea che si trovava li vicino, hanno trattenuto lo straniero che è stato preso in consegna dai militari.

Trasportato nella sede della stazione di Eraclea, il marocchino è stato dichiarato in arresto per il furto tentato e, come disposto dal Pubblico Ministero, trattenuto nelle camere di sicurezza di San Donà di Piave.
Nella mattinata odierna Mahdi Chaouqui è stato accompagnato nelle aule del Tribunale di Venezia, dove era stata fissata l’udienza con la procedura del rito direttissimo, e dove il giudice lo ha condannato alla pena di sei mesi e 20 giorni di reclusione, al pagamento della multa di 90 Euro e al divieto di dimora nei comuni di Jesolo ed Eraclea.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.