7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Elezioni Regionali in Veneto: ha vinto Luca Zaia

HomeNotizie VenetoElezioni Regionali in Veneto: ha vinto Luca Zaia
la notizia dopo la pubblicità

Elezioni Regionali Veneto ha vinto Luca Zaia
I sentori della vigilia sono stati confermati: alle elezioni Regionali in Veneto ha vinto il governatore uscente Luca Zaia.
Zaia, presidente per la Lega Nord, si riprende così la Regione Veneto da dove l’aveva lasciata.
Il politico trevigiano, 47 anni, già ministro dell’agricoltura, mette a segno il bis del 2010 con un risultato molto significativo politicamente, se si considera che contro di lui correvano lo ‘spauracchio’ Flavio Tosi, l’ex leghista che ha guidato il partito in Veneto fino al marzo scorso, e la Dem Alessandra Moretti, che sfruttava l’onda del Jobs act e delle altre misure del governo Renzi, apprezzate anche dagli industriali della regione.
Luca Zaia non ha ottenuto il risultato eclatante del 2010 (allora fu il 60,1%) ma in qualche modo riscuote un consenso elevato derivato dal riconoscimento di aver lavorato bene.
Il leghista ha ottenuto un consenso assoluto contro il secondo posto della candidata Pd Alessandra Moretti. Più staccato il candidato Jacopo Berti di Cinque Stelle.

Palazzo Balbi avrà lo stesso inquilino anche nei prossimi 5 anni. “Pancia a terra e lavorare” è stato lo slogan più usato da Zaia in questa lunga campagna elettorale, dove il governatore del Carroccio ha lasciato i toni ‘gridati’ su Rom e immigrazione al segretario Matteo Salvini, concentrandosi invece sui temi a lui più cari: le eccellenze della sanità veneta, la battaglia per i costi standard, la difesa delle imprese del Nordest, i braccio di ferro con il Governo per tentare di far rientrare nel territorio il surplus di miliardi di euro che il Veneto lascia a Roma con la tassazione.
Per Luca Zaia un altro cavallo di battaglia elettorale è stato: nessun coinvolgimento nello scandalo del ‘Mose’ che ha colpito invece esponenti di altri partiti e di altre istituzioni. A lui viene inoltre riconosciuto l’impegno per una forte attività contro il dissesto idrogeologico del territorio, dopo aver affrontato da neo presidente l’alluvione del 2010, e innovazioni mai provate prima: come l’apertura di ambulatori di notte per abbassare le liste d’attesa dei pazienti.
Zaia nasce a Conegliano, in provincia di Treviso, il 27 marzo 1968, come da lui stesso ricordato, viene da famiglia contadina. E’ sposato con Raffaella. Laureato in scienze della produzione animale all’Università di Udine, Zaia ha iniziato la politica a 25 anni, eletto consigliere comunale a Godega Sant’Urbano nelle file della lega Nord Liga Veneta. Nel 1995 entra nella giunta provinciale di Treviso come assessore all’agricoltura. Nel 1998 prosegue la scalata e diventa, a 31 anni, il piu’ giovane presidente di Provincia d’Italia, a Treviso, incarico in cui è riconfermato nel 2002.
Dal 2005 al 2008 e’ stato vicepresidente della Regione, e nel 2008 è entrato per la prima volta nel Governo, ministro per le politiche agricole. Poi nel 2010 il ritorno in Regione: Umberto Bossi lo ‘impone’ a Berlusconi come candidato del centrodestra, ed il Cavaliere sacrifica così Giancarlo Galan.
Zaia conquista Palazzo Balbi sconfiggendo nettamente il candidato del centrosinistra, Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre. Nel 2015, oggi, la conferma.
Paolo Pradolin

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....