domenica 23 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

DROGA IN AUTO | Nella valigia vicino a tre bambini

HomeVenezia cittàDROGA IN AUTO | Nella valigia vicino a tre bambini

VENEZIA | Trasportano in auto dieci chili di hashish con tre bambini di 6,10 e 12 anni sul sedile. Vengono fermati ad un posto di blocco, tentano di fuggire prima rischiando di investire dei Finanzieri e quindi provano a far perdere le loro tracce scappando a piedi per i campi ma vengono raggiunti, braccati e arrestati. Rocambolesca operazione da parte delle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Venezia, coordinate dalla Procura della Repubblica di Padova, tre notti fa. I militari delle Fiamme Gialle hanno sequestrato 10 kg di hashish che si trovavano nascosti nel bagagliaio di un auto con a bordo due marocchini e una donna italiana.

Quando i finanzieri del G.I.C.O., appostati al casello autostradale di Padova est, hanno intimato l’alt, la donna, che si trovava al volante, con una manovra spericolata, ha prima tentato di investirli, poi si è data alla fuga, fermandosi sul cavalcavia in direzione della tangenziale di Padova per consentire ai due complici di fuggire a piedi. Entrambi i marocchini, scesi dal mezzo, hanno scavalcato il guardrail e si sono lasciati cadere nel vuoto, compiendo un salto di alcuni metri e atterrando sui campi sottostanti. I militari delle Fiamme Gialle li hanno tuttavia raggiunti e, con la collaborazione di una pattuglia della Polizia Stradale di Mestre intervenuta sul posto, li hanno catturati.

La perquisizione dell’auto ha consentito di appurare che la quarantenne italiana aveva portato con sé, sul sedile posteriore, i tre piccoli figli di 6,10 e 12 anni, facendoli sedere vicino ad un borsone che custodiva parte dell’hashish.

I tre sono stati arrestati per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale e tentato omicidio, per aver forzato il posto di blocco e tentato di investire e speronare la pattuglia del GICO, mentre i tre minori, spaventati e scossi, sono stati affidati alla nonna materna.

Uno dei marocchini, era uscito il 23 dicembre scorso dal carcere di Verona, dove aveva finito di scontare la pena di 5 anni di reclusione per traffico di stupefacenti, ed è nipote di un altro trafficante, anch’egli arrestato nel dicembre 2012 dagli uomini del GICO per detenzione di 15 kg. di hashish e tuttora detenuto a Padova.

Raffaele Rosa
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[10/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Ore 12, settanta persone al Pala Expo si alzano in piedi e si mettono a cantare: è il coro della Fenice che ringrazia il...

Come in un flash mob, bello perché sorprende ed emoziona. Improvvisamente e inaspettatamente 70 persone, che parevano in attesa del proprio turno, a mezzogiorno si sono alzate in piedi e si sono esibite per mezz'ora a sorpresa, in mezzo allo stupore degli...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...