mercoledì 19 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

Droga e delinquenza per strada, chiude edicola di Mestre

HomeMestre e terrafermaDroga e delinquenza per strada, chiude edicola di Mestre

Degrado a Mestre, chiude edicola di Via Piave

Eravamo in febbraio del 2016. Era il periodo in cui la terraferma veneziana era sotto accusa per i continui episodi che venivano alla cronaca per criminalità. La via Piave era la zona di Mestre più citata dagli allarmi sociali sulla sicurezza. A distanza di un anno, ai lettori la facoltà di rispondere alla domanda se la situazione sia migliorata o meno.

Una brutta notizia di caratura sociale per chi apre i giornali questa mattina. Una sconfitta per la società che emerge dalle righe della Nuova Venezia in edicola.

Stanco di pulire ogni giorno escrementi umani, raccogliere bustine di droga, doversi districare tra spacciatori e malviventi, l’edicolante di via Piave, fronte giardinetti angolo con via Sernaglia, ha chiuso i battenti da poco più di un mese. Luca, il titolare, non ce la faceva più, era arrivato al limite della sopportazione.

Chiude edicola di Via Piave, ecco perché: «Sono stufo marcio», racconta Luca alla Nuova, «ho detto basta con questa zona e chi la frequenta, ogni mattina quando andavo ad aprire, dovevo pulire con il lisoformio per terra, quello che lasciava chi passava la notte davanti. Le ho provate tutte, ho coinvolto forze dell’ordine, chi di dovere, ma tanto a nessuno interessa nulla alla fin fine».

Racconta ancora: «Trovavo bustine di droga, siringhe, dietro l’edicola facevano di tutto, adesso, poi, che sta per arrivare la stagione primaverile». Il riferimento è al via vai delle “signorine” ma anche quello semplicemente dei frequentatori notturni, che fanno il bello e il cattivo tempo. Ultimamente i residenti trovano preservativi rossi dappertutto, e pare – vociferano gli abitanti dei condomini prospicenti che devono fare i conti con i trend del momento – che vadano alla grande. Insomma, l’edicolante doveva spazzare e pulire il suo “spazio vitale” da escrementi, pipì, siringhe, preservativi, a seconda del periodo e delle mode. E così ha deciso di abbassare le serrande e prendersi una pausa.

«Utilizzavano i cassoni dei giornali per sostare, starci sopra, insomma, non c’era niente da fare, quando pioveva poi, ancora peggio». Adesso la licenza è stata sospesa e la volontà è quella di vendere, dopo 21 anni di lavoro. E così un’altra attività italiana se ne va, una delle ultime perché via Piave è per la quasi totalità in mano a stranieri.

Stefania Beso
13/02/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...