venerdì 21 Gennaio 2022
-0.4 C
Venezia

DONNA DI 25 ANNI TORNA A VITA NORMALE GRAZIE A DEFIBRILLATORE SOTTOCUTANEO

HomeVenezia cittàDONNA DI 25 ANNI TORNA A VITA NORMALE GRAZIE A DEFIBRILLATORE SOTTOCUTANEO

NOTIZIE PORTOGRUARO | Una donna di 25 anni di Portogruaro, mamma di due bambini, è stata salvata per due volte grazie all’utilizzo di un defibrillatore. Ma mentre nel primo caso si trattava di un utilizzo esterno nel secondo caso si trattava di un impianto sottocutaneo. La giovane mamma ora vivrà  con l’applicazione di un innovativo “defibrillatore sottocutaneo” che non “tocca” né il cuore né i vasi sanguigni.
Nel primo caso, avvenuto qualche settimana fa sul luogo di lavoro, era stato provvidenziale l’intervento delle colleghe le quali, in seguito al malore, avevano praticato un massaggio cardiacoe utilizzato un defibrillatore esterno che aveva riattivato il cuore della giovane donna mediante le scariche elettriche.

Successivamente, all’ospedale di Portogruaro, alla donna era stata riscontrata una patologia cardiaca mai diagnosticata in precedenza, affrontata in modo definitivo con l’impianto di un defibrillatore sottocutaneo: unico al mondo a svolgere la propria funzione sottopelle.
L’impianto è stato effettuato nell’unità  di Cardiologia all’ospedale di Portogruaro. «Il defibrillatore sottocutaneo – spiega il primario di Cardiochirurgia, il dottor Francesco Di Pede – rappresenta una delle frontiere più avanzate della medicina minimamente invasiva e consente di proteggere i pazienti dal rischio di morte improvvisa, in modo sicuro e intelligente».

L’installazione è avvenuta quindi con una procedura chirurgica poco invasiva. «Questo apparecchio viene impiantato solo in casi particolari e selezionati come quello in questione – osserva il dottor Di Pede – . Si posiziona sotto la pelle e, diversamente dai dispositivi tradizionali, non necessita di fili elettrici per condurre l’energia al cuore attraverso i vasi sanguigni evitando possibili complicazioni».

Soddisfazione anche da parte dal cardiologo Renè Nangah che ha effettuato l’impianto con il chirurgo Gabriele Ricci. «Siamo particolarmente felici perché questa giovane paziente può usufruire di una terapia innovativa, indispensabile per la sopravvivenza e che comporta rischi ridotti».

L’impianto effettuato a Portogruaro ha concluso positivamente un episodio che avrebbe potuto avere esiti drammatici e pone la struttura ospedaliera all’avanguardia nell’adozione di tecnologie e di soluzioni terapeutiche innovative. Il defibrillatore sottocutaneo ha apportato un triplice beneficio alla paziente: più sicurezza nell’impianto, nella cura e una particolare attenzione alle sue esigenze psicologiche.

«Mi complimento con tutto lo staff che ha eseguito l’intervento – dichiara il direttore generale dell’Ulss10, Carlo Bramezza- . Questo episodio conferma ancora una volta che all’ULSS10 opera personale di altissimo livello, all’avanguardia nell’impiego delle ultime tecnologie pur in tempi di ristrettezze economiche».

Lucio Saro
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[19/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità

Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie. Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità. 1) Quando si parla di ambiente,...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...