18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Dipendenti dei trasporti Ulss 12 fanno sciopero

HomeMestre e terrafermaDipendenti dei trasporti Ulss 12 fanno sciopero

Dipendenti dei trasporti Ulss 12 fanno sciopero

La Filt Cgil di Venezia proclama uno sciopero per tutta la giornata di martedì 17 giugno.
I Dipendenti dei trasporti Ulss 12 fanno sciopero: si tratta dei 12 lavoratori impegnati nel servizio di trasporto di materiali
medicali che sono passati dalla ditta Traser, dopo il nuovo appalto Ulss 12, alla Zanardo di Marghera (che a sua volta ha subappaltato).
Si tratta degli incaricati della gestione del magazzino e del trasporto merci e nutrizionali all’interno dei due ospedali principali di Mestre (Angelo) e di Venezia (ss.Giovanni e Paolo).

Con il cambio di appalto le lavoratrici ed i lavoratori – scrive la FILT CGIL – che avevano un regolare contratto di assunzione a tempo indeterminato e full-time, hanno dovuto subire un ridimensionamento della loro posizione lavorativa.

Da quattro mesi – continua il comunicato – subiscono gli effetti di un contratto a tempo determinato che va avanti a tamburo. L’ultimo di questi scade al fine di questo mese.

Come se non bastasse, nel corso di questi mesi i lavoratori sono stati lasciati a casa piu’ volte. “Non c’era lavoro” dicevano i loro responsabili.

Così si sono ritrovati con gli stipendi falcidiati e nonostante abbiano un contratto full-time, vengono pagati come un part-time, con evidenti ricadute sull’importo del salario. Molti di essi non arrivano nemmeno a 800 euro.

La Filt Cgil – che segue questo importante servizio per il Comune di Venezia – afferma di aver sollecitato più volte un tavolo con i soggetti interessati, per sanare questa assurda situazione, ed ora ha deciso questo presidio-sciopero dopo l’ennesima richiesta ignorata di incontro inviata l’11 giugno.

Evidentemente i lavoratori di quest’appalto ed il servizio da loro svolto – dice Marcello Salbitani della Filt Cgil di Venezia – non sono interessanti per i funzionari dell’Ulss 12.

I lavoratori impiegati nell’ Ospedale dell’Angelo a Mestre e a Ss.Giovannie Paolo a Venezia, hanno per anni e fino ad oggi trasportato e rifornito con professionalità tutti i reparti della sanità pubblica veneziana. Dalle flebo all’umile scatola di penne; dalla valvola cardiaca al filo di sutura.

“Sarebbe opportuno riflettere – insiste Salbitani – su come vengono spesi i danari pubblici in queste esternalizzazioni. Esternalizzare per precarizzare? Visto che la strada sembra ormai segnata, in fase di appalti, almeno chiediamo che venga inserita la clausola sociale: la certezza un posto di lavoro ed uno stipendio dignitoso, non chiediamo cose complicate almeno qui che si investono soldi pubblici”.

Domani due presidi saranno mantenuti a partire dalle ore 7.30, uno davanti all’Ospedale dell’Angelo e uno davanti al Civile di Venezia.

Redazione

[16/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.