8.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Dipendenti dei trasporti Ulss 12 fanno sciopero

HomeMestre e terrafermaDipendenti dei trasporti Ulss 12 fanno sciopero
la notizia dopo la pubblicità

Dipendenti dei trasporti Ulss 12 fanno sciopero

La Filt Cgil di Venezia proclama uno sciopero per tutta la giornata di martedì 17 giugno.
I Dipendenti dei trasporti Ulss 12 fanno sciopero: si tratta dei 12 lavoratori impegnati nel servizio di trasporto di materiali
medicali che sono passati dalla ditta Traser, dopo il nuovo appalto Ulss 12, alla Zanardo di Marghera (che a sua volta ha subappaltato).
Si tratta degli incaricati della gestione del magazzino e del trasporto merci e nutrizionali all’interno dei due ospedali principali di Mestre (Angelo) e di Venezia (ss.Giovanni e Paolo).

Con il cambio di appalto le lavoratrici ed i lavoratori – scrive la FILT CGIL – che avevano un regolare contratto di assunzione a tempo indeterminato e full-time, hanno dovuto subire un ridimensionamento della loro posizione lavorativa.

Da quattro mesi – continua il comunicato – subiscono gli effetti di un contratto a tempo determinato che va avanti a tamburo. L’ultimo di questi scade al fine di questo mese.

Come se non bastasse, nel corso di questi mesi i lavoratori sono stati lasciati a casa piu’ volte. “Non c’era lavoro” dicevano i loro responsabili.

Così si sono ritrovati con gli stipendi falcidiati e nonostante abbiano un contratto full-time, vengono pagati come un part-time, con evidenti ricadute sull’importo del salario. Molti di essi non arrivano nemmeno a 800 euro.

La Filt Cgil – che segue questo importante servizio per il Comune di Venezia – afferma di aver sollecitato più volte un tavolo con i soggetti interessati, per sanare questa assurda situazione, ed ora ha deciso questo presidio-sciopero dopo l’ennesima richiesta ignorata di incontro inviata l’11 giugno.

Evidentemente i lavoratori di quest’appalto ed il servizio da loro svolto – dice Marcello Salbitani della Filt Cgil di Venezia – non sono interessanti per i funzionari dell’Ulss 12.

I lavoratori impiegati nell’ Ospedale dell’Angelo a Mestre e a Ss.Giovannie Paolo a Venezia, hanno per anni e fino ad oggi trasportato e rifornito con professionalità tutti i reparti della sanità pubblica veneziana. Dalle flebo all’umile scatola di penne; dalla valvola cardiaca al filo di sutura.

“Sarebbe opportuno riflettere – insiste Salbitani – su come vengono spesi i danari pubblici in queste esternalizzazioni. Esternalizzare per precarizzare? Visto che la strada sembra ormai segnata, in fase di appalti, almeno chiediamo che venga inserita la clausola sociale: la certezza un posto di lavoro ed uno stipendio dignitoso, non chiediamo cose complicate almeno qui che si investono soldi pubblici”.

Domani due presidi saranno mantenuti a partire dalle ore 7.30, uno davanti all’Ospedale dell’Angelo e uno davanti al Civile di Venezia.

Redazione

[16/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...