5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Le cose che non so di te, il racconto de il Treno degli orfani negli anni ’20

HomeLibri, recensioni e nuove usciteLe cose che non so di te, il racconto de il Treno degli orfani negli anni '20
la notizia dopo la pubblicità

Edito da Giunti (Traduzione Sara Reggiani), ‘Le cose che non so di te‘ di Christina Baker Kline ci conduce a scoprire un pezzo di storia sconosciuto ai più, quello del cosiddetto ‘Treno degli orfani’ in un libro che allo stesso tempo ci commuove e ci fa riflettere sulla situazione di molti bambini e ragazzi in giro per il mondo, attraverso una prosa mai banale che alterna il passato al presente.

Molly ha solo diciassette anni ma continua a finire nei guai. Adolescente ribelle di due genitori adottivi, è sotto sorveglianza dei servizi sociali e ogni pomeriggio deve andare dall’anziana signora Vivian per aiutarla a pulire la casa. L’incontro tra le due non è certo dei più promettenti: Molly ha sempre il broncio, parla a monosillabi, veste totalmente di nero e ha sfumature blu notte nei capelli. Ma Vivian è una donna speciale a cui la vita ha tolto e regalato tanto: non si fa certo intimidire dall’aspetto di Molly. E per di più, le due hanno qualcosa che le accomuna: anche Vivian infatti è un’orfana che, come tanti bambini nella sua situazione, venne messa sul “treno degli orfani” per trovare famiglia. E quando Molly capisce di poterla aiutare a dipanare il mistero che da tanti anni la perseguita, la scintilla dell’amicizia più profonda e sincera libererà entrambe.

«Sto imparando a mimetizzarmi, o sembrare come tutti gli altri, anche se dentro sono a pezzi».

Due donne, un’adolescente e un’anziana signora con qualcosa in comune: il dolore e la conoscenza della perdita e della solitudine, due elementi senza tempo e senza età.

Le prove della vita, sembra dirci Baker Kline, si trovano in ogni epoca e colpiscono ad ogni età. Molly e Vivian vivono la loro gioventù in epoche completamente diverse, che l’autrice alterna in una partitura perfetta che cambia epoca appena hai voglia di sapere di più per lasciarti con il fiato sospeso e con la voglia di continuare a leggere, ma quello che hanno provato, l’essere sbattute a destra e a sinistra, non è mai cambiato.

Ed è grazie a questo parallelismo che l’autrice, così come ha fatto Jamie Ford nelle sue opere, ci porta a conoscere un periodo storico, quello del ‘Treno degli orfani’, poco conosciuto, ma che ha segnato prima della Guerra e segna tutt’ora la vita di migliaia di ragazzini ora diventati adulti.

I tempi, come detto, sono cambiati dagli anni ’20, ma di ragazzi e bambini spediti, è proprio il caso di dirlo, in altre famiglie ce ne sono ancora e la sofferenza raccontata da questo libro diventa così universale.

Le cose che non so di te, apre il cuore e la mente sulla situazione di molti giovani considerati problematici, facendo capire come la loro sia, il più delle volte, solamente una maschera, una corazza, un grido muto d’aiuto, di ricerca d’amore. Perché è proprio l’amore il motore di tutto, che cambia le persone, ma anche il racconto, l’esternare il nostro passato, proprio come fa Vivian, funziona da catarsi per accettare la sua esistenza e ritrovare negli occhi di un’altra persona se stessa.

Un libro commovente, pieno di sentimenti veri, che fa riflettere e allo stesso tempo emozionare grazie ad una prosa scorrevole e ben costruita.

[28/04/2014]

Riproduzione vietata

le cose che non so di te

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...