lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

HomeCoronavirus VeneziaCoronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un’onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente.
135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo, soprattutto se si pensa che i nuovi contagi erano oltre 500 in un giorno negli ultimi mesi.
Le persone ricoverate nelle strutture veneziane sono 468 con un calo di -20.
In terapia intensiva ci sono 59 pazienti oggi, con un aumento di +2.
Infine il dato più importante: altri 14 morti nelle ultime 24 ore nel Veneziano.
Tra le persone scomparse, tra l’altro, vere e proprie tragedie famigliari, come quelle che coinvolgono un nucleo intero.
Giorgio Cavallin, 87 anni, è mancato il 2 gennaio. Loris Cavallin, il figlio di 66 anni, è spirato il 15 gennaio.
La tragedia a Fossò.
Dramma simile (se non peggiore, se mai si possa usare un’espressione del genere) a Cavallino-Treporti.

Mariella Lazzarini, 65 anni, è stata portata dai suoi affetti l’11 gennaio.
Jacopo Zanella, figlio di 35 anni, è poi mancato venerdì 15. Il virus ha colpito un organismo, seppur giovane, che già sopportava alcune patologie.
Giorgio Zanella, infine, padre di Jacopo e marito di Mariella, (ex infermiere a Cà Savio), ha lottato tra la vita e la morte in una stanza di terapia intensiva all’ospedale di Jesolo e ora pare in via di miglioramento.
Veri e propri drammi che andrebbero ricordati agli irriducibili de “Il virus non esiste”, o a quelli che “E’ solo un’influenza” che tornano a farsi sentire anche ai giorni nostri.
Pochi attimi e la vita come la si conosceva prima non esiste più: davanti a situazioni del genere

dovrebbe essere permesso solo il silenzio.
Come non ricordare, in questi terribili quadri, la recente scomparsa venerdì 15 anche di Gina Smerghetto, 65 anni.
Gina Smerghetto era madre di Ivan Basso, il compianto falconiere morto a 42 anni l’1 gennaio sempre per il virus.
Venezia, invece, piange (tra gli altri) Gian Carlo Fabris, 85 anni.
Noto e stimato veneziano di professione commerciante, apparteneva al credo dei Neocatecumenali alla cui evangelizzazione ha praticamente dedicato la vita.

Gian Carlo Fabris si è spento all’Ospedale Civile di Venezia.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto?

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...