4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Contro la violenza sulle donne. Ora parrucchiere ed estetiste hanno occhi e orecchie. Di Andreina Corso

HomeViolenza contro le donneContro la violenza sulle donne. Ora parrucchiere ed estetiste hanno occhi e orecchie. Di Andreina Corso
la notizia dopo la pubblicità

San Donà - Violenza sulle donne: si amplifica l’osservazione: parrucchiere ed estetiste entrano nel progetto di cura.

Oggi,  25 novembre, si celebra in tutto il mondo “La Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne”.
Cento nomi, cento volti, cento storie ferite. Cento vittime di omicidio di genere femminile contate dall’inizio anno al 26 ottobre 2021, il giorno in cui si è arrivati a questo tragico numero, ci informa l’Osservatorio Diritti.

E la storia che andiamo a narrarvi è una di quelle che rincuora, che si muove nell’immaginario della speranza, che ci dice che ci sono tante energie che si muovono in difesa delle donne picchiate e maltrattate.

Esemplare quella praticata a San Donà in un’iniziativa che ha coinvolto il Comune, l’Ascom-Confcommercio di San Donà-Jesolo, il Confartigianato della zona, l’Ulss 4, la Conferenza dei Sindaci del Veneto orientale e il Centro antiviolenza e antistalking “La Magnolia” di San Donà.

Il progetto si avvale del luogo che gran parte delle donne frequentano volentieri, la sala del parrucchiere, l’estetista, quel posto che invita a rilassarsi, a lasciare che qualcun altro si prenda cura di te, della tua tensione, delle preoccupazioni che ti affliggono e magari si mostrano mentre ti stanno lavando i capelli e sulla fronte si notano lividi viola, che cercavi di nascondere con la frangetta, forse. O mentre ti fanno la ceretta e non puoi evitare che le gambe mostrino i segni della violenza subita.

E allora parli, ti lasci andare, racconti tutto a una persona disponibile ad ascoltarti, una sconosciuta che si prende cura di te e alla quale affidi tutte le tue paure. E che ti vuole aiutare. Ti offre un aiuto. E se lo accetti, ti mette in contatto con la dovuta discrezione con il Centro La Magnolia, che lavora coadiuvato dalla regione convenzionata con l’Usl di riferimento. L’équipe opera con grande professionalità: avvocate, psicologhe, pedagogiste, educatrici, prestano consulenze gratuite e specializzate nella prevenzione e al contrasto della violenza fisica e psicologica subita dalle donne e dalle persone più fragili e deboli, come possono essere gli anziani e i bambini.

Il problema della violenza sulle donne, è talmente esploso nella coscienza collettiva, che ha coinvolto anche gli Enti e Associazioni di categoria, che hanno programmato un processo di formazione fra coloro che operano nell’ambito della cura alla persona e hanno ideato un programma di formazione per chi opera nel settore che coinvolgerà 200 persone e le scuole di formazione professionali della categoria. La novità, la buona novella, riguarda proprio l’ingresso delle parrucchiere, estetiste, manicure che diventano talvolta i primi testimoni oculari della violenza perpetrata sulle donne, che osservano, ascoltano, si prestano a consigliare, al bisogno, suggerire una consultazione con professioniste competenti e motivate all’aiuto.

Una professionalità sociale, affidata a competenze dedite all’osservazione e all’ascolto, come le parrucchiere o le estetiste, ci insegna a guardare la realtà a più dimensioni. Una donna che decide di affidarsi a La Magnolia, nata tredici anni fa con la Fondazione Ferrioli Bo, di San Dona’ di Piave che meritoriamente con i suoi gruppi di lavoro si occupa di numerosi progetti (ad esempio il pasto caldo per i senzatetto), che ne ha dato l’orientamento, prima del periodo pandemico che l’ha interrotto, e che ora intende riprendere e ampliare in tutto il Veneto orientale.

Con questa iniziativa cadono, e per fortuna, i pregiudizi sui parrucchieri e gli estetisti, sui saloni, che secondo un ragionamento equivoco e superficiale, sarebbero luoghi di non cultura. Eppure all’interno ci lavorano persone che tutti i giorni sono a contatto con donne di ogni età che hanno qualcosa da raccontare, da svelare. O che stanno in silenzio, raccontando ancor di più verità poi confidate.

Tante, troppe donne violate rivolgono a queste professioniste la preghiera di pettinarle in modo da celare gli effetti di un pugno in faccia, per nasconderlo ai figli, agli amici e ai parenti. In questi luoghi apparentemente neutri si consumano riflessioni e confessioni affidati a chi è abituato ad ascoltare e già si è fatto un’idea della complessità del vivere umano.
Ci sono tante scuole e non sempre quelle (apparentemente) meno titolate e considerate, sono inferiori ad altre. Lo narrano l’impegno profuso in questo progetto da chi ci lava e asciuga i capelli, da chi ci ascolta volentieri e sempre, nonostante la stanchezza e le tante ore in piedi. L’elemento umano è evidente.

Piace pensare a una rivoluzione copernicana nell’assunzione delle responsabilità, dove chi sente come un dovere civico, il poter contribuire alla difesa di una donna maltrattata, mette insieme tante e diverse competenze, tutte importanti, tutte paritarie e preziose per lenire e poi superare la sofferenza delle donne vittime di violenza.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Magnifico articolo Andreina!!! ❤️ Ed encomiabile iniziativa da replicare su tutto il territorio nazionale!! La fine della violenza contro le donne è affare di tutte/i, non solo delle donne. Solo cambiando cultura e il modo del “pensar comune” si può procedere, e sperare, al cambiamento di questa drammatica situazione che continua a restituirci un immagine di discriminazioni e violenze di vario genere perpetrate sulle donne con un triste conteggio, solo in Ialia, di una donna morta ogni due giorni per mano di un uomo violento. Giornate come il 25 Novembre non sono la soluzione ad un fenomeno che appare inarrestabile, ma sono importanti per la diffusione DELLA CULTURA DELLA NON VIOLENZA e DELLA DENUNCIA!!!

  2. Quanta verità è quanta voglia di rappresentare il desiderio di liberazione fisica e psichica di molte donne vittime di violenza. Bellissimo il progetto del dialogo del capire il detto e non detto, siamo donne e tra noi esiste una antica e imperativa solidarietà! C’è ancora un divario tra i temi trattati dalle donne e la politica che dovrebbe interpretarli. Lunedi scorso la ministra presentava alla Camera dei Deputati i provvedimenti contrastanti il femminicidio, ebbene su 630 deputati, solo 8 erano presenti!!! Rimbocchiamoci noi le maniche e continuiamo a lottare come stiamo facendo! Grazie Andreina Corso per la tua tenacia, passione, professionalità con cui ci accompagni nell’affrontare i problemi!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...