spot_img
spot_img
spot_img
16.8 C
Venezia
mercoledì 20 Ottobre 2021

Minoranze interrompono Consiglio Regionale per la puntata di Report

HomeRegione VenetoMinoranze interrompono Consiglio Regionale per la puntata di Report

Minoranze interrompono Consiglio Regionale per la puntata di Report. Lavori interrotti e pretesa che Zaia vada a riferire in aula.
La protesta dei consiglieri di minoranza pochi minuti fa.
I consiglieri hanno interrotto e ritardato l’inizio dei lavori del Consiglio chiedendo la presenza del Presidente della Giunta Luca Zaia in aula.
La presenza del presidente viene pretesa per riferire su quanto andato in onda ieri sera a Report.
“Il congedo di oggi, l’ennesimo, è quantomeno inopportuno”, dicono i consiglieri.
“Il posto ufficiale dove dire le cose è qui, non il punto stampa di Marghera”.
“Riteniamo indispensabile che si faccia chiarezza sulle responsabilità prima di affrontare gli altri temi”, hanno detto gli esponenti di minoranza.

I consiglieri di minoranza erano tutti presenti in aula anziché collegati dai propri uffici, per via del Covid, proprio per protestare.
In assenza del presidente dell’assemblea veneta Roberto Ciambetti, il vice Nicola Finco (facente funzione) ha preso l’impegno di contattare Zaia per chiedere la presenza in aula durante la seduta odierna e il Consiglio è proseguito.

Alle 12.30 era invece andato in onda regolarmente il punto stampa in diretta Facebook con il presidente Zaia.
“Report? Non l’ho visto” aveva dichiarato Zaia cercando di glissare sull’inchiesta della trasmissione legata a dubbi sull’uso dei tamponi rapidi, ai posti letto di rianimazione e all’alto tasso di mortalità Covid nella seconda ondata in veneto.
“Penso – ha aggiunto – che ci siano responsabilità personali: sono tutte attività che non mi competono, quindi è giusto sentire gli interlocutori”.
“Io non vedo male il lavoro di Report, mi sento colpito, ma questo dimostra che questa amministrazione è trasparente. Quella di Report è una teoria, qualcuno ne ha un’altra, ci confronteremo”.
Sul fuorionda del direttore regionale Luciano Flor (che, su uno studio del prof. Andrea Crisanti sui tamponi rapidi, avrebbe detto “Sarebbe meglio nasconderlo o ci denunciano”), Zaia ha aggiunto che “Flor lo incontrerà l’assessore, io devo fare altro”.

» ti potrebbe interessare anche: “Zaia: «Dati Covid del Veneto strumentalizzati da più di qualcuno»

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements