2 C
Venezia
martedì 07 Dicembre 2021

Consiglio Comunale: parla Orsoni, fuori scontri [video]

HomeMestre e terrafermaConsiglio Comunale: parla Orsoni, fuori scontri
la notizia dopo la pubblicità

Il primo Consiglio Comunale post dimissioni di Giorgio Orsoni a Mestre ha visto il manifestarsi di scontri e tafferugli che hanno richiesto l’intervento della polizia per contenerli.

Gli scontri hanno provocato addirittura una sospensione del Consiglio: il presidente del Consiglio Comunale, Roberto Turetta, alle ore 16.09 ha sospeso il Consiglio comunale in corso al Municipio di Mestre, a causa delle ripetute rimostranze di manifestanti che hanno più volte interrotto i lavori dell’assemblea consiliare.

Di seguito l’intervento integrale pronunciato da Orsoni al Consiglio.

Il video dei disordini di via Palazzo durante il Consiglio Comunale, invece, più sotto.

“Credo sia necessario spiegare ancora una volta cosa è accaduto per il rispetto dovuto a questa assemblea legittimamente eletta quattro anni fa. Un’assemblea composta da persone che in vario modo si sono impegnate nell’amministrazione della città, in maniera corretta ed onesta. Questo voglio sottolinearlo per ribattere a tante stupidaggini che sono state scritte.

A tutti i consiglieri va il mio ringraziamento per quello che è stato fatto nell’interesse di tutta la città. Lo ripeto: con trasparenza e assoluta correttezza.

Perché è accaduto questo? Forse lo scopriremo fra un po’ di tempo. Io voglio solo ribadire pochissimi punti che credo debbano rimanere nei verbali di questo Consiglio.

Il primo è che la mia candidatura non è stata da me avanzata in nessuna sede, ma mi è stata richiesta da un insieme di partiti.
Non ho mai avuto esperienza di elezioni al punto che al momento della mia candidatura ho chiesto e preteso dai partiti che mi volevano sostenere che dell’organizzazione se ne occupassero i partiti stessi, non avendo, ripeto, nessuna esperienza e nessuna struttura che potesse supportarmi. Mi è stato detto che ci sarebbe stata la necessità di risorse per sostenere la campagna elettorale, e che avrei dovuto nei limiti delle mie conoscenze sollecitare, in maniera legittima, l’apporto di chi poteva sostenere la mia campagna elettorale.

Mi sono attrezzato, anche se la legge non lo richiede in forma specifica, con la nomina di un mandatario che ha tenuto un conto corrente dedicato sul quale sono confluite risorse a mio modo di vedere anche ingenti – quasi 300 mila euro – delle quali mai ho saputo la provenienza fino alla presentazione della resa del conto; mandatario che ha tenuto questo conto in modo assolutamente corretto.

A seguito delle sollecitazioni che mi venivano da chi si occupava della mia campagna elettorale, ho richiesto a vari esponenti del mondo imprenditoriale di sostenermi, come credo sia accaduto in tutte le campagne elettorali di questa città e di tutto il Paese. Fra questi, Mazzacurati da me conosciuto da molto tempo. Fu lui a dirmi che era sua consuetudine interessarsi anche nel passato per sostenere campagne elettorali dei vari candidati, e che si sarebbe volentieri interessato a parlarne ai suoi amici imprenditori. Penso che proprio a seguito di questo, si sia interessato con le imprese che fanno parte anche del Consorzio Venezia Nuova, ma mai ho chiesto al Consorzio di farmi dei versamenti.

Così come mai ho ricevuto da Mazzacurati alcun versamento nelle mie mani. Questo è quanto. Io so che ci sono stati molti eventi nella mia campagna elettorale: non ho mai saputo come fossero stati organizzati, specificamente da chi, e non ho mai saputo neanche come fossero stati pagati. È evidente che sono stati organizzati dai vari partiti che mi hanno sostenuto, io ho sempre ritenuto e continuo a ritenerlo, in maniera assolutamente lecita.

Il resto sono romanzi. Illazioni e romanzi. Che derivano da dichiarazioni di persone che evidentemente avevano qualche interesse a farle.

Non dico altro, né delle vicende giudiziarie, né del cosiddetto patteggiamento che mi è stato attribuito, il quale, voglio sottolineare in questa sede, non è stato concluso, quindi non vi è alcun patteggiamento attualmente, ma è soltanto stata fatta una richiesta che ha avviato un procedimento che avrà il suo corso.

Chiudo facendovi una precisazione: nei giornali sono state dette tante cose, in gran parte sbagliate, molte calunniose per le quali ci saranno poi delle conseguenze; tanti romanzi, nella direzione di volermi screditare. Vi voglio dire con assoluta chiarezza, anche per evitare equivoci, anche questi alimentati dalla stampa, che non ho nessuna intenzione di ricandidarmi né con i partiti né senza partiti.

Devo dire che questo momento la mia tristezza non riguarda soltanto me. Io credo che questa vicenda, che ha colpito in un modo che ritengo ingiusto, duramente me e la mia famiglia, chi mi è vicino, sia una vicenda che ha colpito gravemente tutta la città. E credo che con responsabilità si debba prenderne atto facendo quel che è necessario, nell’interesse della città, ma anche sapendo che c’è stato qualcosa che non ha funzionato e che ha determinato una situazione di grave imbarazzo per tutta la città.

Il tempo sarà galantuomo e nel tempo capiremo meglio ciò che è accaduto, nel tempo sapremo quel che è successo anche al di fuori di quest’aula”.

Redazione

[16/05/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...