20.1 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Clamoroso: la Francia si ribella alla Merkel, la cancelliera-maestra: “Fate i compiti a casa”

HomeMondo Clamoroso: la Francia si ribella alla Merkel, la cancelliera-maestra: "Fate i compiti a casa"

 Clamoroso: la Francia si ribella alla Merkel

Francia e Germania, è ormai scontro europeo.
La Francia rivendica la libertà di poter pretendere flessibilità nei vincoli di bilancio, necessari per poter rilanciare la crescita e l’occupazione con gli investimenti pubblici.
La Germania persiste invece nel suo atteggiamento volto a imporre misure di austerità e rigore finanziario ai Paesi dell’eurozona in difficoltà finanziarie.

La Commissione europea di Bruxelles si è schierata con la cancelliera tedesca di centrodestra, Angela Merkel, frenando le aspettative del presidente francese, il socialista François Hollande, ma ormai il solco è stato tracciato.
Quanti altri paesei dell’Eurozona hanno alzato la testa negli ultimi tempi, affermando pure che uscire dal ‘patto’ non sarebbe la fine del mondo.

La Francia, nello specifico, ha annunciato, attraverso il suo ministro delle Finanze, il socialista Michel Sapin, di «rigettare l’austerità» raccomandata dalla Commissione ed ha esplicitamente citato il ciclo economico più negativo del previsto. Situazione fotocopia di quella italiana, dove si continuano ad applicare misure, passando attraverso governi diversi, per vedere sempre dati che allontanano la ripresa.

A Parigi non vogliono che tagli alla spesa pubblica aggravino ulteriormente la situazione, come è già stato visto in Grecia dopo aver seguito le indicazioni di Bruxelles.

Angela Merkel, ha subito replicato chiedendo al governo di Hollande di «fare i compiti a casa», che per lei significa applicare misure di austerità.
Su questo la cancelliera tedesca non ha intenzione di mostrare cedimenti per non far vacillare la credibilità dell’Eurozona, ma anche qui da noi cresce la frangia degli insoddisfatti, e l’insoddisfazione diviene rabbia ad esempio quando viene comparata l’età pensionabile (che in Italia è diventata la più alta tra quelle europee) e poi si parla di rilancio dell’occupazione per lo spaventoso dato della disoccupazione giovanile.

Paolo Pradolin

02/10/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.