20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

“Chiudere gli stadi violenti”, la risposta al ferimento dei 2 poliziotti

HomeNotizie Veneto"Chiudere gli stadi violenti", la risposta al ferimento dei 2 poliziotti

finale di Coppa Italia Fiorentina Napoli

‘Tolleranza zero contro i violenti allo stadio’ è quello che chiede il sindacato di polizia UGL Veneto dopo gli scontri successivi alla partita Atalanta – Roma. Scontri che hanno portato al ferimento grave di due poliziotti che dovrebbero vigilare e difendere la comunità, invece si trovano colpiti da chiodi messi all’interno di una bomba carta esplosa dai facinorosi proprio per fare danni contro le forze dell’ordine.
“Il 2° reparto della Mobile di Padova, da inizio novembre conta già 22 feriti – racconta Mauro Armelao – . E’ ora di dire basta al fatto di rischiare la vita allo stadio per 28 euro lordi di indennità. Gli stadi violenti vanno chiusi”.

Qui sotto il comunicato ufficiale UGL Veneto.

Quello che è successo sabato scorso, in occasione della partita di calcio Atalanta Roma, è l’ennesima dimostrazione, che contro i delinquenti non serve nessuna regola o protocollo d’ingaggio, con questi teppisti serve solo la TOLLERANZA ZERO.
Nessuno sconto, nessuna attenuante, contro chi va allo stadio per attaccare sistematicamente le forze dell’ordine. Per noi quanto accaduto a Bergamo è a tutti gli effetti da considerarsi un tentato omicidio.

I colleghi del 2° Reparto Mobile di Padova, rimasti feriti, hanno realmente rischiato di rimanere segnati per il resto dei propri giorni a causa dello scoppio di bombe carte che all’interno contenevano chiodi e bulloni in ferro. E’ stato un attentato vero e proprio contro i poliziotti presenti alla partita.

Come UGL Polizia di Stato, diciamo che sia abbondantemente giunto il momento di prendere delle decisioni irrevocabili, e cioè quelle di chiudere fino a fine campionato gli stadi a rischio, partendo proprio da quello di Bergamo. Che sia da monito per tutte le tifoserie d’Italia, al primo incidente, si chiudono gli stadi, così questi delinquenti useranno le loro bombe carta nelle loro case mentre guarderanno le partite in TV.

Si abbia il coraggio di andare contro gli interessi economici affinchè siano tutelate le forze dell’ordine che per soli 28€ lordi, a tanto equivale la giornata di ordine pubblico fuori sede (mentre 13€ lordi per ordine pubblico in sede), rischiano la vita per colpa di questi delinquenti che nulla hanno da condividere con i veri tifosi.

Una scelta drastica che secondo noi deve essere fatta subito per “educare e avvertire” il resto dei violenti sparsi in giro per il nostro paese. Per colpa di qualcuno non si fanno sconti a nessuno! Non è possibile che tra manifestazioni dei pseudo pacifisti e delle partite di calcio il 2° Reparto Mobile, da inizio mese fino a sabato 21, conti già 22 feriti.

Che la politica la smetta di perdere tempo sul pensare delle norme da rispettare in questi casi, giusto pensare a protocolli operativi per altre cose, ma nei confronti dei delinquenti l’unico protocollo è quello della tolleranza zero, con la chiusura immediata dello stadio, negando, altresì, le trasferte.

Su questa questione interesseremo la nostra Segreteria Nazionale, affinchè intervenga presso il nostro Dipartimento, in vista appunto dell’incontro sui protocolli operativi per l’ordine pubblico.

Che questi protocolli siano scritti e pensati da chi sta in strada e in mezzo ad una piazza, e non da chi sta comodamente seduto in una sedia al caldo, o magari da qualche politico che non sa cosa voglia garantire l’ordine pubblico portando una divisa. Per questo auspichiamo che siano coinvolti i dirigenti dei Reparti Mobili d’Italia, coadiuvati dai capi squadra con anni di esperienza.

Venezia, lì 24 novembre 2014

Mauro Armelao
Segretario Generale Regionale
UGL Polizia di Stato del Veneto

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.