C’è Salvini a Roma e la capitale viene spartita a zone

ultimo aggiornamento: 01/03/2015 ore 14:54

79

Salvini a Roma

La Capitale ieri è stata divisa, spartita tra le varie opposizioni, grazie a delle “gabbie”. Il rischio era quello che venissero a contatto i leghisti pro-Salvini e gli antagonisti anti Salvini a Roma, allora la polizia ha diviso la città coinvolta per zone (come avvenuto per il G8) : a via Napoleone III, quartiere Esquilino, dove c’è la sede di CasaPound, strade chiuse con le gabbie e agenti che presidiano angoli ed “incroci”.

Mentre Matteo Salvini, all’interno della propria “gabbia” usa parole forti: “il premier Renzi, il servo sciocco di Bruxelles, deve andare a lavorare, magari nell’azienda di famiglia”, “lo Stato è il primo ladro e strozzino”, “la legge Fornero la cancelleremo”, “i campi rom bisogna sgomberarli”, e via dicendo, fuori opposti tra loro si sfiorano e convivono.


Leghisti, CasaPound attraversa il centro, attivisti di sinistra dietro allo striscione «Mai con Salvini», e la destra radicale: Antagonisti e centri sociali vanno verso Campo de’ Fiori, poi si fermano e tornano indietro al Colosseo, CasaPound si schiera sotto il palco di Salvinifinchè tutto finisce e anche sugli animi agitati cala la sera.

Alla fine, il bilancio è positivo: 4.000 uomini in campo e nessun problema di sicurezza.
Dopo le polemiche per i danni alla Barcaccia provocati dagli ultrà del Feyenoord, e i tentativi di sfondamento dei centri sociali venerdì, era giusto così.

Mario Nascimbeni


01/03/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here