20.1 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Caldo a Venezia, Comune decide di spegnere i condizionatori negli edifici pubblici

HomeNotizie Venezia e MestreCaldo a Venezia, Comune decide di spegnere i condizionatori negli edifici pubblici

caldo

Il caldo non accenna ad arrestarsi e almeno fino al weekend si boccheggerà in molte parti della nostra Regione.

Se da un lato l’assessore alla sanità del Veneto, Luca Coletto, ha fatto partire il “Piano Caldo 2014”, dall’altra a Venezia, il Comune ha deciso di spegnere i condizionatori degli edifici pubblici per risparmiare.

Se fossero solo gli adulti, si potrebbe anche resistere, ma ad andarci di mezzo sono anche i bambini degli asilo e così è scoppiata la protesta dei genitori.

Tiziana Agostini, assessore alle politiche educative, assicura che i risolverà presto la questione «I bambini non possono rimanere al caldo – dichiara – Spero che si sia trattato di una cattiva interpretazione della disposizione generale riguardante gli edifici comunali».

Ad intervenire anche Jacopo Molina, consigliere comunale del Pd che ha dichiarato: «La decisione appare francamente improvvida, in quanto vorrebbe inibire l’attivazione dei condizionatori in giornate particolarmente calde […]Ritenuto che le economie di spesa devono essere effettuate su spese effettivamente inutili, tra le quali quella del condizionamento dell’aria non appare rientrare, chiedo la revoca di questa disposizione».

Un caldo da non sottovalutare, tanto che la Protezione Civile regionale ha emesso lo stato di allarme climatico per disagio fisico per le zone costiera, continentale e Pedemontana valido fino alle 16 di venerdì 13 giugno, giornata in cui si spera le temperature inizieranno a calare, con il rischio, però, di forti temporali e grandine, non è da escludere nemmeno qualche fenomeno vorticoso.

Sara Prian

[12/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.