lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Svuotavano i conti correnti dei titolari, vittima anche un 25enne di Scorzè

HomeTruffe onlineSvuotavano i conti correnti dei titolari, vittima anche un 25enne di Scorzè

Svuotavano i conti correnti bancari e postali dei titolari a suon di truffe. Tutti appartenenti a un’associazione criminale dedita alla sottrazione delle credenziali di accesso ai siti online e alle applicazioni di home banking. A smascherare la banda le indagini dei carabinieri del Nucleo investigativo della città di Genova, che martedì mattina, a seguito dell’operazione denominata “Fortnite”, insieme ai colleghi di Sanremo, Napoli e Roma, hanno messo in manette 7 persone (5 in carcere e 2 agli arresti domiciliari), mentre altre 7 sono state colpite da provvedimenti meno gravi (3 obblighi di dimora e 4 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria). A Scorzè a rimanere vittima dei raggiri è stato un 25enne che, nel mese di ottobre 2019, ha subito una truffa di oltre 400 euro. Perquisizioni in corso anche a Taranto, Modena e Cagliari.

A maggio del 2019 i carabinieri del Nucleo investigativo hanno avviato una complessa indagine coordinata dalla procura della Repubblica, volta a delineare e neutralizzare un sodalizio criminale dedito alla commissione di numerose truffe online attraverso l’acquisizione fraudolenta delle credenziali di accesso ai conti. Dall’attività di analisi dei reati predatori i militari hanno rilevato una preoccupante tendenza, di fatto concomitante con la crescente diffusione delle attività di home banking, all’incremento delle truffe ai danni degli ignari titolari di conti online, i quali, in numero sempre crescente, stavano cadendo nella trappola di arguti truffatori che riuscivano a farsi consegnare le chiavi d’accesso ai siti e svuotavano in tempi rapidissimi i depositi.

In pratica i truffatori, avevano realizzato un’organizzazione che si avvaleva di un modus operandi consolidato, basato su una notevole padronanza degli strumenti informatici. Alle vittime venivano inviati sms o mail contenenti un link che reindirizzava a un sito clone delle poste italiane o di altri istituti di credito, dove i malcapitati declinavano ingenuamente le credenziali di accesso ai profili e i dati personali. Talvolta invece era un finto operatore degli istituti bancari a chiamare il truffato e simulare problemi tecnici inesistenti sul conto, riuscendo a carpire i preziosi dati. Con le informazioni raccolte i malviventi si recavano negli store degli operatori di telefonia mobile, muniti di documenti falsi, ed effettuavano la “sim swap” chiedendone la duplicazione.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto?

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Polmonite Bilaterale da Covid, ricoverata in rianimazione. Ha sette mesi

A sette mesi ha il Covid ed è ricoverata in rianimazione. Alla piccola viene assicurata la migliore assistenza possibile, per questo è stata trasferita dalla Calabria a Roma. La piccola ha soli sette mesi ed è ricoverata in terapia intensiva perché contagiata...