25.3 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Baby gang: 12 contro 1 con i bastoni. Ventenne finisce all’ospedale

Homebaby gangBaby gang: 12 contro 1 con i bastoni. Ventenne finisce all'ospedale

Baby gang: ventenne veneziano picchiato dalla furia del gruppo con i bastoni.
E’ successo a Mestre, nella zona del centro, ieri sera, 9 febbraio 2021: una dozzina di ragazzi, di cui alcuni minori, se la sono presa con un ventenne veneziano e l’hanno colpito con dei bastoni fino a lasciarlo a terra.
Tra le ipotesi dei motivi dell’aggressione per strada, quella di una sorta di regolamento di conti tra gruppi, con una violenza brutale.
La dinamica dell’accaduto è ora al vaglio delle forze dell’ordine, pare che la violenza si sia consumata nelle vicinanze di un locale in Riviera XX Settembre, poco dopo le 18.

A quell’ora i bar devono chiudere e sarebbe stato quello il momento in cui un gruppo di giovani e giovanissimi se l’è presa con il ventenne. Non sono chiari i motivi del diverbio, la vittima, poco distante dal locale, è stata inseguita e picchiata dal gruppo, anche con dei bastoni.
Il ventenne veneziano è finito sotto la raffica di colpi ed è caduto a terra, sanguinante, ed è stato portato al pronto soccorso dell’Ospedale dell’Angelo. Le sue condizioni non sarebbero gravi.
Il ferito è già noto alle forze dell’ordine per esser stato coinvolto in una rissa

a dicembre nel centro storico veneziano, in campo Bella Vienna, luogo della “movida” veneziana, anche se in quel mese i bar della zona erano praticamente chiusi, pochi lavoravano solo per l’asporto.
Al momento dell’aggressione il veneziano non era solo, con lui c’era almeno un altro ragazzo, che pare non sia stato coinvolto, e probabilmente delle ragazze.

Sul posto sono subito intervenute le forze dell’ordine, una pattuglia della polizia locale si trovava a poca distanza al momento dell’aggressione ed è stata la prima ad arrivare: uno dei responsabili dell’aggressione, un ragazzo minorenne, 16 anni, di nazionalità albanese, è stato subito fermato.
A seguire sono giunti sul posto gli agenti della Polizia di Stato in gran numero.

Le forze dell’ordine hanno raccolto le testimonianze delle persone presenti per fare chiarezza sulla vicenda e identificare gli altri responsabili. Nella zona sono installate delle telecamere e i filmati potrebbero contribuire a fare chiarezza sull’accaduto e sull’identità dei giovani aggressori.

Le indagini mirano a far luce sulla dinamica della rissa e sull’identità di questi giovani e giovanissimi che girano per strada con i bastoni, con l’obiettivo di attuare violenze come quella di ieri sera, anche se in pieno centro e sotto gli occhi di più persone. Il pestaggio di ieri si inserisce in un contesto preoccupante, quello di scontri tra gruppi rivali, e torna la paura per le cosiddette baby gang.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.