domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

Anziani coniugi trovati morti in casa. Paura e angoscia per il futuro incombevano

Homeil drammaAnziani coniugi trovati morti in casa. Paura e angoscia per il futuro incombevano

Anziani coniugi trovati morti in casa. La tragica scoperta nel giorno dell’Epifania.
La coppia lascia la vita nella notte dell’Epifania.
Siamo a Rovigo e i coniugi Guglielmina Pasetto e Renzo Cavazza, rispettivamente di 71 e 76 anni, cedono alla morte la loro resistenza residua. L’invalidità di lei, lo smarrimento, la paura della pandemia, la fatica dell’accudimento, le ore che passano lente a raccontare la storia di una coppia provata e stanca, sfociata nel dramma.

Quando i vigili del fuoco sono arrivati nell’appartamento di Guglielmina e Renzo in viale Porta Po, non hanno potuto fare altro che confermare le paure, le preoccupazioni dei nipoti che vivono nel padovano e che li avevano chiamati in soccorso. I familiari avevano provato a telefonare a lungo, senza ricevere risposta, così come nessuno rispondeva al suono insistente del campanello.

Quel che è successo realmente appartiene alla sfera di una relazione intima, vissuta a tu per tu con la sofferenza da tanti anni. E se oggi questa discrezione è violata e investe purtroppo la cronaca, è perché è stata una dipartita all’unisono: lei morta per motivi che l’autopsia richiesta dalla procura di Rovigo rileverà e lui che si è tolto la vita, impiccandosi. Questa contemporaneità sarà valutata nel corso delle indagini e interpretata solo dopo accurati riscontri. Ogni altra supposizione sarebbe di troppo.

Volendo addentrarsi nei tempi che hanno preceduto il tragico fatto, si viene a conoscenza che Guglielmina lavorava in una compagnia assicurativa prima di essere colpita da un ictus che le ha provocato una paralisi, stravolgendole la vita. Renzo, che faceva il ferroviere, ha lasciato il lavoro, per potersi dedicare all’assistenza della moglie. Non avevano figli e la loro vita da pensionati scorreva, giorno dopo giorno, affrontando difficoltà e sorretti da momenti di serenità, frutto di un legame premuroso, solido e complice. La pandemia ha stravolto, forse, quell’equilibrio a fatica conquistato, azzerando le poche certezze e riportando i coniugi in una situazione di panico difficile da reggere per tutti e a maggior ragione per le persone malate e fragili.

I familiari avevano condiviso la preoccupazione di Renzo per il domani. Quella domanda struggente, “Quel dopo di noi” che affligge la persona che cura e che ha paura di morire perché non sa cosa potrebbe accadere a chi vive e continua a vivere grazie alle cure di chi gli sta accanto, all’attenzione, all’amore che regge e alimenta anche le condizioni più difficili. Secondo i familiari questa preoccupazione di Renzo aveva preso il sopravvento nei suoi pensieri, tanto che lo avevano convinto a consultare uno specialista competente in materia, per farsi aiutare. L’appuntamento era fissato per il 17 gennaio. È prevalsa la depressione e la resa, purtroppo, proprio nel giorno dell’Epifania che aveva portato in dono, dopo tanta nebbia e tanta pioggia, una giornata di sole che non ce l’ha fatta a scaldare i cuori di Guglielmina e Renzo.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...