Anti-prostituzione, a Mestre sei sanzionati nella sola serata di lunedì dalla Polizia Municipale

ultima modifica: 28/12/2019 ore 05:54

430

Anti-prostituzione, a Mestre sei sanzionati nella sola serata di lunedì dalla Polizia Municipale

ella sola serata di lunedì sei clienti sono stati sanzionati dalla Polizia municipale per essere stati colti in flagranza mentre si intrattenevano con prostitute nelle aree off – limits della città: via F.lli Bandiera, via Terraglio, l’area centrale di Mestre, compresa tra il cavalcavia Giustizia, via Cappuccina, viale Stazione.

Il servizio, svolto dal Nucleo di Polizia giudiziaria del Corpo, ha interessato in particolar modo via F.lli Bandiera dove il fenomeno è più consistente. A cadere nei controlli sono stati un vicentino di 30 anni, un mirese di 45 anni, un piovese di 30 anni, un bangladese di 23 anni in trasferta dal bellunese, un bangladese di 28 anni in trasferta da Taranto ed un tunisino di 45 anni residente in provincia. Dei sei clienti, cinque si erano appartati con la prostituta a piedi, mentre uno aveva utilizzato il proprio autoarticolato.

Le prostitute contattate, tutte di cittadinanza bulgara, stavano operando in via F.lli Bandiera nella zona dei concessionari, in via Ghega e in via Galvani. La prestazione media offerta era intorno ai 20 euro.

A tutt’oggi i servizi antiprostituzione del Corpo di Polizia locale hanno portato all’elevazione di circa 450 verbali da 350 euro ciascuno.

L’attenzione del Corpo su questo tema resta molto alta.

08/12/2016

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Carnevale di Venezia 2020
➔ Nuovo virus cinese 'Coronavirus' ceppo della Sars: tutti gli aggiornamenti

Una persona ha commentato

  1. Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here