4.4 C
Venezia
giovedì 28 Gennaio 2021

Anniversari di violenze contro le donne, parliamone anche noi

Home Notizie di apertura Anniversari di violenze contro le donne, parliamone anche noi
sponsor

Anniversari di violenze contro le donne, parliamone anche noi

sponsor

Diventano magnetici i numeri scritti sul calendario, evocativi i mesi e i tempi che puntualmente ci dicono di dirla, di urlarla quella verità lunga e sempre vinta che riguarda lo sforzo d’emancipazione di una società violenta, dove le donne vengono prima zittite, maltrattate e poi uccise.

commercial

Sfugge a tutte le analisi quella violenza covata un po’ per volta che le donne per tanti anni hanno subito in silenzio e nella paura, memori dei sacrifici delle loro madri e delle loro nonne, che hanno abitato nella casa della fatica e del sacrificio, per una reputazione da difendere, in virtù di un matrimonio da salvare, da conservare in nome dei figli, che solo nella famiglia compatta potevano essere felici. Donne che hanno accettato di essere le ultime a sedersi a tavola, che si sono fatte carico della vecchiaia di genitori e suoceri, donne senza lavoro, dipendenti dal marito anche per potersi comperare un paio di calze.

Certo, si dirà, erano altri tempi e quando i mariti le picchiavano anche in presenza dei figli perché “erano stanchi, nervosi” e quindi giustificati, o perché erano ubriachi, quando le violavano sessualmente “per diritto di corpo”, noi donne, cosa facevamo? In silenzio aspettavamo lo scorrere delle ore e le prime luci del giorno, impacchi freddi e ghiaccio sul viso tumefatto, la risposta pronta per chi nel corso della giornata poteva chiederci? Cosa è successo, sei tutta gonfia! E noi a dire che siamo inciampate e sbattute di notte contro l’armadio. E ancora noi a non dire, a non raccontare il dolore dell’anima che spinge al risentimento da non mostrare mai, anche quando il corpo rivela la rassegnazione della paura. E gli occhi? Gli occhi che ci guardavano, cosa vedevano? Perché si sono rivolti altrove?

Erano altri tempi, dicevamo? 25 Novembre 2016. Esattamente quarant’anni fa nacque a Bruxelles il Tribunale internazionale sui crimini contro le donne. Vi parteciparono donne di tutto il mondo per prendere coscienza e forza sulla parola che oggi porta il nome di femminicidio. Termine che mette insieme la brutalità della violenza maschile in famiglia e fuori, il calvario che sfocia nella morte.

Parola che si affaccia alla nostra e ad altre culture che hanno come finalità l’annientamento della persona –donna. Una lista macabra di ingiustizie, dalle spose bambine alle mutilazioni genitali, occidente ed oriente ugualmente proiettati a non volere o riuscire a capire nulla dell’orrore che è stato seminato e che in tempi come questi, che alcuni associano al progresso, perpetua la violenza, le ferite non si rimarginano e la donna per difendersi è costretta a nascondersi, a scappare, a rifugiarsi nei centri antiviolenza, in abitazioni e zone ignote.

Nel mondo antico la violenza sulle donne non era reato, si attribuisce all’imperatore romano Augusto l’emanazione di una legge che puniva l’adulterio come crimine pubblico, chiunque poteva denunciare una donna che veniva relegata in un’isola. Passarono i secoli e le donne, le streghe, il rogo, la superstizione, l’ignoranza, hanno contaminato la dimensione vera della presenza femminile nel mondo, relegato a dovere e consuetudine margini il valore inestimabile della maternità, perpetuando così la distanza e nutrendo invece la sudditanza psicologica, economica e morale nei confronti del maschio.

Le studiose di questo fenomeno, oltre a rilevare che ogni anno oltre 100 donne vengono uccise, ci avvertono che si uccide in modi diversi. E che il termine femminicidio si distingue dall’omicidio proprio perché quest’ultimo ci dice che qualcuno è morto, mentre il primo dice anche il perché.
Il femminicidio riguarda le pratiche di mortificazione inflitte alle donne, che causano la morte psichica e che violano la dignità del corpo e della mente, il condizionamento sociale sulle scelte di vita, la mancanza di lavoro, le scelte di vita obbligate dagli altri.

E femminicidio in essere il linguaggio che fin da piccole le donne si sentono addosso, il giudizio estetico che le promuove o le boccia secondo i canoni di una bellezza rituale richiesta (maschile) che sfiora i canoni dell’aggressione, quando non corrisponde al desiderio sessuale. Ogni ragazza conosce questi linguaggi, quali sei grassa, sembri un uomo, e chi ti vuole, stai zitta… fino ad un “normale” ti ammazzo.

Certo, bisognerebbe che tutti ci rieducassimo, ma da dove partire? Bisognerebbe non farsi condizionare dalla modernità, vivere sulle cime degli alberi come il protagonista de Il barone Rampante di Italo Calvino, diventare monaci, monache, magari sparire. Ma come fare? Bisognerebbe non essere fragili, ma come si fa?

Condizionale d’obbligo di fronte alle statistiche che con i loro conteggi ci svegliano dai sonni e dagli incubi.
Il 90% delle violenze non viene denunciato, e solo il 35% di chi la subisce la considera reato, l’aggressività maschile viene tollerata come facente parte della dimensione forte dell’uomo. Culturalmente arretrata e intimamente criticata, riesce prevalere e a farsi spazio, conosce evoluzione, e si spera nelle giovani generazioni, che vorrebbero uscire da questo ghetto simbolico, ma la realtà che conoscono e vivono non li aiuta di certo.

E se provassimo a dire anche noi qualcosa sul nostro desiderio di cambiare questo mondo insieme agli uomini, sì anche con loro, per inaugurare un dialogo che ci incoraggi a sperare che tra qualche anno la parola femminicidio esca dalla nostra vita, che gli anniversari e le statistiche diventino un ricordo?

Andreina Corso

26/11/2016

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...
commercial

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...
sponsor

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...

All’esame di guida con l’equipaggiamento da spia: due suggeritori fuori davano risposte

A quanto pare in questo periodo gli stranieri le studiano tutte per superare l'esame di scuola guida senza la fatica di imparare. Dopo il nigeriano...

Stipendi e crisi Actv, parla il presidente Giovanni Seno

Ritengo fondamentale fare alcune precisazioni per chiarire il contesto che ha portato alla decisione del Gruppo AVM/ACTV, comunicata alle Organizzazioni Sindacali, di iniziare un...

Tagli agli stipendi per pandemia, dipendenti Actv sul piede di guerra

Tagli agli stipendi Actv a causa della pandemia. In realtà, non veri e propri 'tagli', bensì voci integrative che non possono più essere assicurate. Si...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
commercial

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Anziana in stato confusionale voleva buttarsi in acqua di notte alle Fondamente Nove

Delicato intervento della Polizia di Stato alle tre di notte tra domenica e lunedì. Il soccorso ha riguardato una anziana signora che sembrava volersi buttare...

Piazza Ferretto: sfonda vetrina con un tombino per rubare bottiglie esposte

Una pattuglia del Reggimento Lagunari Serenissima, impegnata nel servizio Strade Sicure, ha bloccato ieri sera un uomo che dopo aver sfondato la vetrina di...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

ZENO di Lorella Del Gesso [concorso letterario]

Il mio nome è Zeno, la mia età cinque anni. Vivo con Eleonora, che è la mia mamma, e Alan, il suo compagno, con cui...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.