Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
17C
Venezia
venerdì 26 Febbraio 2021
HomeNotizie VenetoAndrea Bassi replica al sindaco di Bussolengo per riduzione Ulss veronesi da tre a una

Andrea Bassi replica al sindaco di Bussolengo per riduzione Ulss veronesi da tre a una

Andrea Bassi replica al sindaco di Bussolengo relativamente alla riduzione delle Ulss veronesi da tre a una

“Boscaini come sempre dice una cosa e, solo una settimana dopo, annuncia l’esatto contrario: ormai ci siamo abituati e non ci stupiamo nemmeno più”.

Non si fa attendere la replica del consigliere regionale tosiano Andrea Bassi alle recenti affermazioni e proposte del sindaco di Bussolengo, relativamente alla riduzione delle Ulss veronesi da tre a una (con eliminazione della Ulss 22 di Bussolengo) e alla revisione dell’offerta sanitaria presso l’ospedale Orlandi.

“Ricordo quando lo scorso anno il primo cittadino si presentò, assieme alla presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Ulss 22, Gabriella Manzato, in audizione presso la Commissione Regionale Sanità per contestare la proposta di creazione dell’Ulss unica provinciale. E ricordo pure quando, successivamente, – aggiunge Bassi – nell’ottobre 2015, la Conferenza stessa approvò un duro documento in cui metteva nero su bianco questo parere negativo”.‎ Recentemente Bassi, per scongiurare questo rischio, ha proposto di costituire una seconda Ulss nella provincia di Verona per l’area gardesana. “Boscaini prima si è dichiarata d’accordo (come riportato da L’Arena del 22 luglio) affermando che la mia idea era ottima – ricorda il tosiano – e solo una settimana dopo, nel Consiglio Comunale di Bussolengo (giovedì 28 luglio), ha bocciato la mozione che ‎sosteneva questa proposta. Definirla una bandiera ormai è quasi riduttivo!”

E ancora sul tema dell’ospedale di Bussolengo: “Falso sostenere da parte di Boscaini che la riduzione dell’Orlandi sia frutto di mie scelte nella precedente legislatura (2010-2015). La decisione di costituire il “polo a due gambe” Bussolengo-Villafranca risale alle legislature antecedenti, quando venne stabilito che al momento della riattivazione del nosocomio villafranchese sarebbero stati spostati al suo interno alcuni reparti presenti a Bussolengo e sarebbe stato chiuso l’ospedale di Isola della Scala. La scheda approvata nel 2013 ne è stata la conseguenza e, comunque, prevede che a Bussolengo restino 106 posti letto di cui 91 per acuti (una serie di reparti tra i quali Cardiologia, Gastroenterologia, Geriatria, Medicina, Nefrologia, Neurologia, Pneumologia, Psichiatria e Chirurgia in Week-Surgery, nonché il mantenimento del Pronto Soccorso, del Centro Trasfusionale, del Laboratorio Analisi e l’attivazione del Centro Dialisi Assistita H24, che sarà l’unico all’interno dell’Ulss 22) e 15 riabilitativi per lungodegenti. La mia azione è stata dunque dedicata a difendere quel che si poteva difendere ed era l’unico modo possibile per mantenere all’Orlandi la qualifica di presidio ospedaliero”.‎ “In ogni caso – aggiunge Bassi – non accetto lezioni da chi, come il sindaco Boscaini, nelle ultime settimane ha proposto di trasformare l’Orlandi in un ospedale turistico sul modello Jesolo (che ha solo 25 posti di Medicina, 45 posti adibiti a vari tipi di riabilitazione ed un piccolo Pronto Soccorso‎). Con questa scellerata proposta il numero dei posti letto passerebbe da 106 a 70, (quelli per acuti si ridurrebbero da 91 a 25) e i reparti da una decina a due: questo sì che è il modo migliore per affossare definitivamente il nosocomio bussolenghese. Tant’è che anche il neo Comitato per la Salvaguardia dell’Orlandi ha duramente criticato la proposta annunciando un’assemblea pubblica e azioni di protesta”.

“D’altronde – prosegue Bassi – da chi ha vinto le elezioni comunali 2013 distribuendo un volantino falso contro l’avversario e promettendo che avrebbe salvato l’ospedale, aggiungendo in pompa magna il 22 giugno 2013 “Siamo pronti ad incatenarci per difendere l’Orlandi”, non ci si poteva aspettare molto di diverso. Naturalmente Boscaini all’Orlandi non si è mai incatenata, però nei prossimi giorni le regalerò una catena perché se, come sospetto, fra una settimana cambierà nuovamente idea, almeno le fornirò il materiale per passare immediatamente dalle parole ai fatti”.

Bassi conclude con una riflessione finale. “Di questo passo Paola Boscaini sarà ricordata come il sindaco che decretò la chiusura dell’Orlandi e nel contempo perse la sede dell’Ulss a Bussolengo, senza nemmeno combattere: un fallimento totale ed inappellabile”‎.

03/08/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Tragedia nel Trevigiano

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Una tragedia esplode nel pomeriggio del sabato nella provincia di Treviso. Un padre di 43 anni...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E’ la seconda volta in 3 giorni

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E' la seconda volta in 3 giorni che intervengono i vigili del fuoco nel ristorante cinese "Il...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...
spot

Coronavirus Venezia, numeri tornano oltre 100 nuovi casi in 24 ore

Coronavirus a Venezia e provincia che si mantiene in una situazione stazionaria nonostante il leggero aumento dei 'nuovi casi' dopo la tendenza positiva degli...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.