29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

A Venezia il nuovo Jona inaugura il “nuovo ospedale”

HomeNotizie Venezia e MestreA Venezia il nuovo Jona inaugura il "nuovo ospedale"

ospedale civile di venezia nuovo padiglione jona

La profonda ventata di rinnovamento nel presidio sanitario più importante della città di Venezia continua con il passaggio dei “vecchi” reparti al nuovo Padiglione Jona.
All’Ospedale Civile di Venezia ieri la prima notte dei degenti nel nuovo Padiglione Jona. Tra martedì 30 settembre e mercoledì 1 ottobre, saranno 87 i degenti che pernotteranno nel nuovo Padiglione. Questo primo gruppo di utenti ricoverati, del Reparto di Medicina, occuperà 36 letti al III piano e 51 letti al IV piano.

Nella serata di martedì, quindi, gli 87 degenti già trasferiti sono stati anche i primi a consumare la cena nel nuovo Padiglione: per l’occasione, la Direzione dell’Ospedale ha previsto un piccolo momento di festa, in clima familiare, allargato appunto ai parenti dei degenti che hanno inteso essere presenti insieme al personale dell’Ospedale.
“Poiché sappiamo che questo è un momento significativo anche per la città – spiega la Direttrice del Civile, la dottoressa Lorena Sandonà – abbiamo voluto il coinvolgimento delle associazioni di volontariato e dei familiari, per brindare insieme e celebrare questa giornata, importante per noi dell’Ospedale Civile, ma importante anche per i Veneziani”.

Il trasferimento sarà ultimato entro ottobre. Nelle prossime settimane si trasferiranno nello Jona anche gli altri Reparti, con i loro degenti. “Il trasferimento sarà graduale ma – spiega il Direttore Generale dell’Ulss 12, Giuseppe Dal Ben – poiché non poteva essere fatto tutto nella stessa giornata; ma va completato a breve, per evitare che il personale debba dividersi troppo a lungo tra due zone dell’Ospedale. Tutto lo Jona sarà quindi ‘abitato’ ben prima della fine del mese di ottobre”.

Già entro la settimana in corso è previsto il trasferimento della restante parte del III piano (Nefrologia e Reumatologia) e saranno inoltre occupati i 23 letti di Geriatria, al V piano.
Seguirà poi il trasferimento dell’ambulatorio di Pneumologia che opererà al piano terra, dove da alcuni giorni operano già gli ambulatori di Endoscopia.
Sarà poi la volta dei Reparti di Ostetricia e Ginecologia, a cui è riservato il II piano, e del Reparto di Pediatria, che occuperà il I piano. Il trasferimento sarà completato dalla Lungodegenza, che andrà ad occupare la restante parte del V piano.

Le sale operatorie, le sale da travaglio e parto e la “casa da parto” entreranno in funzione con il trasferimento del Reparto di Ostetricia-Ginecologia, intorno alla metà del mese.

Complessivamente, il Padiglione Jona ospiterà a regime 192 posti letto, tutti in camere doppie o singole con bagno, su cinque piani. Sono 10.670 i mq del Padiglione, di cui 5.604 destinati alla degenza, e 796 destinati ad aree ambulatoriali.

E mentre i vari piani del nuovo Padiglione diventano completamente operativi, si lavora ad altri due punti chiave del nuovo Ospedale: sul tetto, a 30 metri di altezza, si procede al collaudo che renderà l’elisuperficie ufficialmente in grado di essere raggiunta dagli elicotteri di soccorso, mentre al piano terra invece si lavora alla nuova entrata dello Jona, direttamente dalle Fondamente Nuove.

Viene infatti ripristinato l’accesso preesistente e si realizza temporaneamente la “bussola” della nuova entrata che consentirà agli utenti di accedere al Padiglione dal lato verso l’Isola di San Michele, e di raggiungere i Reparti senza dover attraversare tutto il sedime dell’Ospedale Civile, come avveniva in passato, quando si doveva arrivare allo Jona dall’ingresso principale in Campo Santi Giovanni e Paolo.

Redazione

01/10/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Quando verra’ aperta questa porta che evitera’ di passare dal pronto soccorso?
    E cosa sarebbe questa “bussola”.
    Grazie Paolo m.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.