19enne in biblioteca per fare strage di bambini, disarmato da ex militare di 75 anni

ultimo aggiornamento: 19/10/2015 ore 06:24

106

19enne in biblioteca per fare strage di bambini, disarmato da ex militare di 75 anni police

Un ex militare americano di 75 anni è riuscito a bloccare un giovane che voleva fare una strage di bambini in una biblioteca.
Il 70enne ha avuto la meglio del potenziale omicida utilizzando le tecniche di combattimento corpo a corpo imparate sotto le armi 50 anni prima. Lo riferisce il sito del Pekin Daily Times.

James Vernon, 75 anni, tecnico in pensione e veterano dell’esercito, martedì 13 ottobre stava tenendo una lezione di scacchi con 16 bambini fra i 7 e i 13 anni, nella biblioteca di Morton, una cittadina dell’Illinois.
All’improvviso nel locale si è presentato un giovane di 19 anni, Dustin Brown, con due coltelli da caccia, uno in ciascuna mano, gridando “Ucciderò della gente!”.


E’ nato un fuggi fuggi, i bambini hanno provato a rifugiarsi sotto i tavoli, mentre Vernon ha
affrontato il giovane.
“Ho cercato di parlargli, di calmarlo – racconta -. Non ci sono riuscito, ma ho distratto la sua attenzione e l’ho tranquillizzato un po’. Gli ho chiesto se era di Morton, se era andato al liceo. Gli ho chiesto che problema aveva. Mi ha detto che la sua vita faceva schifo”.

Mentre parlava, il veterano si è avvicinato a Brown, lo ha fatto indietreggiare e si è messo fra lui e la porta, con i bambini dietro. Questi ne hanno approfittato per scappare dalla
stanza.

Il giovane è poi scattato aggredendo l’anziano coi coltelli, ma l’ex militare ha reagito utilizzando le tecniche del combattimento corpo a corpo imparate nell’esercito negli anni Sessanta.


La lotta è durata circa 90 secondi. Il veterano è stato ferito gravemente alla mano sinistra, ma è riuscito a immobilizzare l’aggressore, che è stato poi arrestato.

Dustin Brown, l’aggressore, era libero su cauzione con l’accusa di detenzione di materiale pedopornografico. “Ho fallito la mia missione di uccidere tutti”, ha detto alla polizia.

Vernon ha avuto una tendine e due arterie della mano sinistra recisi. “Se avesse avuto un’arma da fuoco – ha commentato – la storia sarebbe andata diversamente”.

18/10/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here