Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
4.6C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeTruffe online117 truffe con vendite online, la polizia di Jesolo lo individua

117 truffe con vendite online, la polizia di Jesolo lo individua

Verosimilmente, al fine di eludere eventuali indagini della Polizia, il truffatore seriale online presentava una denuncia di smarrimento della propria carta d’identità, solo che l'uomo risultava aver smarrito ben 4 volte in un anno, dal 2015 al 2016 altrettante carte d’identità a lui intestate

117 truffe con vendite online, la polizia di Jesolo lo individua

Nel mese di luglio dello scorso anno, un 30enne residente sul litorale jesolano osservava un annuncio di vendita di una Sony Playstation 4 di 500gb, usata, su un noto portale web di compravendite.

Il giovane era interessato quindi concordava il prezzo di 130,00 euro con la venditrice, della quale conosceva solo il nome, tale Anna. Quest’ultima gli rispondeva che il pacco con l’oggetto poteva essere ritirato ad un indirizzo in provincia di Benevento previo bonifico anticipato del prezzo su di un conto corrente bancario contraddistinto da un codice Iban.
Le trattative avvenivano mediante i contatti su una e-mail inserita sullo stesso portale internet e successivamente da una utenza telefonica, entrambi riconducibili al venditore.

Il trentenne eseguiva pertanto il bonifico richiesto lo stesso giorno e tale importo veniva accreditato il 4 luglio 2016 alla venditrice. Sulla scorta di tale presupposto, l’acquirente concordava con la venditrice il ritiro dell’oggetto mediante il corriere per il giorno successivo all’accreditamento della somma versata.

Acquisito l’importo però, la venditrice dapprima asseriva che il corriere non era passato e poi si rendeva irreperibile telefonicamente e non rispondeva più alle e-mail. L’annuncio, oltretutto, veniva tolto da sito web dopo qualche giorno. A quel punto il giovane capiva di essere stato truffato.

La Polizia del Commissariato di P.S. di Jesolo, dopo aver ricevuto la denuncia del trentenne per la truffa subita, si è messa subito in moto con le opportune indagini al fine di poter risalire all’autore del fatto criminoso.

Considerato che l’annuncio era stato tolto dal truffatore prima che la parte offesa potesse effettuare una foto che consentisse di rilevarne il numero distintivo, gli accertamenti preliminari venivano svolti sui canali di comunicazione utilizzati fra le parti. In particolare l’utenza telefonica fornita risultava intestata a un 29enne nato a Napoli e residente nella stessa provincia: inoltre, tale utenza era stata attivata proprio a Napoli due giorni prima dei fatti (ovvero a fine giugno).

I poliziotti identificavano il titolare della Sim Card, scoprendo che annoverava ben 117 segnalazioni all’autorità giudiziaria, di cui 40 nel solo 2016 e tutte per il reato di truffa con modalità speculari rispetto a quanto accaduto al 30enne jesolano.

Dalle approfondite indagini svolte della Polizia presso la direzione del portale web su cui era comparso l’annuncio è emerso che l’account e-mail utilizzato dal malvivente e generato automaticamente dal sistema previa verifica del numero di telefono del venditore, era relativo ad un ben preciso annuncio relativo alla messa in vendita di una console per videogiochi Sony Playstation 4 da 500 gb al prezzo di 170 euro. La e-mail utilizzata per l’inserimento dell’annuncio era associata all’utenza telefonica di riferimento intestate per l’appunto a L.L., ma residente a Perugia.

Inoltre, l’Iban di riferimento per il bonifico del pagamento del gioco acquistato identificava come il conto corrente bancario fosse stato attivato nell’aprile dello stesso anno scorso per poi essere estinto nella metà di settembre successivo presso uno sportello bancario di Napoli, il cui intestatario era sempre il L.L.

Verosimilmente, al fine di eludere eventuali indagini della Polizia, il L.L. presentava una denuncia di smarrimento della propria carta d’identità a fine giugno 2016, in data comunque abbondantemente successiva a quella dell’accensione del conto corrente dove era poi stato versato il prezzo della truffa, solo che l’uomo risultava aver smarrito ben 4 volte in un anno, dal 2015 al 2016 altrettante carte d’identità a lui intestate.

Accertata la corretta transazione del denaro effettuato dalla vittima verso il venditore, i contatti intercorsi tra le parti (documentate dal trentenne truffato) e della riconducibilità allo stesso soggetto di telefoni, conto corrente e annuncio collocato su portale web, L.L., resosi responsabile della 118esima truffa online, veniva deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia per il reato di truffa.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...