“挨拶 Zaia”. Bilancio in Regione senza il Presidente. Pd: “Atteggiamento vergognoso della maggioranza

“挨拶 Zaia”. Tanti saluti Zaia. Con questo cartello in giapponese i consiglieri del Partito Democratico hanno contestato mercoledì in aula l’avvio della sessione di bilancio in assenza del presidente del Veneto in missione a Tokyo.

“Troviamo gravissimo l’atteggiamento della maggioranza, irrispettoso del ruolo dei consiglieri – afferma a nome del gruppo consiliare il presidente Stefano Fracasso – Tutti hanno diritto di avere un confronto col presidente della Giunta sia sul tema del bilancio che sugli interventi da effettuare per i danni provocati dal maltempo, visto che è anche commissario per l’emergenza. Dopo aver inviato ben due lettere al presidente del Consiglio Ciambetti, oggi in Conferenza di capigruppo non c’è stata alcuna apertura, in modo assolutamente incomprensibile”.

“Nessuno ha messo in discussione la necessità che Zaia fosse a Tokyo per presentare la candidatura olimpica, le giustificazioni della maggioranza sono ridicole. Due giorni di ritardo non erano un dramma per il Consiglio, non ha senso confrontarci con il presidente a bilancio chiuso. Un bilancio dove, ricordo, non è stato stanziato un solo euro per la montagna, come se il 29 ottobre non fosse accaduto niente. Salvo poi chiedere aiuto a Roma e all’Europa da un lato e affidarsi al buon cuore e al senso di solidarietà dei veneti dall’altro”.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here