Chioggia, ragazzina 13enne invia foto nuda, lui comincia a ricattarla

I poliziotti del Commissariato di Chioggia hanno rintracciato e denunciato un giovane per adescamento di minorenne grazie alla app “YOUPOL”, applicazione pensata proprio per avvicinare le persone in difficoltà alle forze di Polizia.

I fatti: lo scorso 02.05.2018, la sala operativa 113 della Questura di Venezia segnalava ai poliziotti del Commissariato di Chioggia che, tramite l’applicativo della Polizia di Stato “YOUPOL”, una ragazza di circa 13 anni aveva inviato una richiesta di aiuto.
La minore, evidentemente in grande difficoltà, tentava questa strada perché ormai vittima di cyberbullismo dato che si trovava davanti una problematica che la sua tenera età non le permetteva di risolvere da sola.

Ricevuta la segnalazione, gli uomini del Commissariato rintracciavano la minore, verificando la segnalazione.

In particolare, gli operatori accertavano che la ragazzina aveva da qualche giorno conosciuto un giovane su un noto social forum e aveva accettato di inviargli delle foto che la ritraevano nuda.

Con il passare dei giorni le richieste del giovane di ottenere foto e materiale pornografico da parte della ragazzina si fecero però sempre più insistenti e minacciose, tanto da indurre la ragazza a chiedere aiuto alla Polizia tramite YOUPOL.

Dopo un’intensa attività di indagine, i poliziotti sono risaliti al giovane e vedendo che questi continuava con i suoi atteggiamenti aggressivi intervenivano allertando le Volanti della Questura di Catania.

I poliziotti, raggiunta l’abitazione del sedicenne, lo denunciavano per adescamento di minorenne e detenzione di materiale pornografico, sequestrando lo smartphone, fortunatamente prima che egli avesse il tempo di pubblicare le foto della ragazzina in rete.

(foto di repertorio)


ultime notizie venezia

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here