Voce del Verbo. Fiutare, 1a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 08/12/2015 ore 18:26

107

Fiutare, annusare, odorare.
Respirare il bianco della nebbia e fiutare il sapore dell’inverno, dell’acqua ghiacciata delle fontane, della pozza invetrita che gli uccelli beccano inutilmente.
Fiutare il freddo e l’odore delle castagne calde, annusare inspirando un momento di tregua, di paura superata, di vigile calma su di noi.

Fiutare il peso o la leggerezza di un evento che incombe sulla nostra vita, fiutare il bisogno di chiarire e di chiarirsi, odorare l’impellente sguardo ti chi ci cerca perché non ti ha dimenticato.

“Il futuro influenza il presente tanto quanto il passato”, ha scritto Nietzsche per suggerire all’uomo di ogni tempo e di ogni dove che l’odore del domani può essere fiutato, captato, capito e perfino arginato nel suo forte e inesorabile incedere.
Non resta che strappare alla nebbia il bianco del suo velo, fiutarlo e ingoiarlo, se il suo aroma ci piace.


Andreina Corso
08/12/2015

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here