5.9 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Voce del Verbo di oggi: Dimenticare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Dimenticare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso
la notizia dopo la pubblicità

ragazza pensa assorta ricorda non dimentica

Voce del verbo di oggi:
Dimenticare
Prima coniugazione – Modo infinito

Un verbo? Dimenticare, ha suggerito una ragazza di sedici anni. Dico, sì, interessante e subito penso: perché proprio dimenticare? Perché ha pronunciato quel verbo e io silente l’ho osservata, sono stata a guardare. E a pensare. Bella la mia interlocutrice, la giovinezza in fronte, il fare spigliato di chi sa quel che fa. Due occhi grandi sul verbo dimenticare che s’intimidisce vorrebbe scappare, ma ormai è prigioniero di quella parola.
Una ragazzina che sceglie “dimenticare”.
E una adulta che la guarda.

Dimenticare. Decidere a lasciarsi alle spalle qualcuno o qualcosa che pensiamo di non dover rimpiangere. Dimenticare quel che è stato.
Ricordare può far male. L’oblio vorrebbe offuscare il ricordo, ma non sempre ce la fa, e poi è proprio ciò che vogliamo, tentare di cancellare un ricordo? E’ vero che il tempo trasforma, modifica anche ciò che ci sembrava chiaro e risolto?
Ormai quel verbo risuona altero fra i verbi fratelli e lascia in sospeso una domanda. Perché quella ragazza lo ha scelto? E l’ha svelato come se un’urgenza improvvisa l’avesse obbligata a dire: dimenticare.

Andreina Corso

[27/06/2014]

Riproduzione vietata

&#9674 Leggi tutti i verbi del giorno di Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

8 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. possiamo dimenticare veramente o forse solo lasciar andare , allontanare per distaccarsi da qualcosa, qualcuno, per lenire e riocostruire. Verbo importante che ci invita ad una presenza, quando dimenticare può essere sinonimo di distrazione, disattenzione, ma anche movimento interno di più stratificazioni che una sull’altra ci modificano creando sempre nuovi stati e possibilità.


  2. fra le mie calli non riemerge un muro
    ma un’onda che spaura, o che travolge
    profondissima, la spazïosa quiete
    il cui pensier mi finge ancora pazzo…

    E tu pendevi allor su quella selva
    di lamiera, che a notte balugina
    nella calotta del mio pensiero,
    siccome or fai, che tutto lo rischiari.

    – Cerca una maglia rotta nella rete…

    … il varco è qui? – ripullula il frangente
    sotto le ali della petroliera
    che ancora si dibattono, morenti.
    Ma nebuloso e tremulo dal pianto
    che le sorgea sul ciglio, a quelle luci
    il tuo volto apparia, semidistrutto
    da una speranza che bruciò più lenta…
    Sto
    con le quattro capriole di fumo
    del focolare…

    [pausa]

    LYRICUS PUER
    … non ho voglia, mia cara, di tuffarmi
    a sgrovigliare il tuo gomitolo
    di strade.
    Lascia qua, che si dipani
    sul fil di ragno della mia memoria,
    l’ombra di ciò che brucia a fiamma spenta,
    madreperlacea traccia, persistenza
    sola,
    dell’estinzione.
    È tutto buio,
    non si sente
    il tuo respiro, non si sente altro
    che il caldo buono, qui.

    Dimentica
    ch’è stato un fuoco, antico, curiosissimo
    d’umanità e parole, in questa vecchia
    cenere. Continuerò a bruciare,
    non so per chi, e chi sia, che vada o resti…

  3. Di menti care
    quanto è difficile dover dimenticare menti care, a noi care
    Perché l’altra mente cambia
    Perché il nostro cuore cambia
    Per un lutto improvviso

  4. Voce del verbo “Dimenticare”…Dal latino dimentare, far uscire di mente.
    Letteralmente significa smarrire la memoria, privarsi del ricordo di qualcuno o di qualcosa, comandare a se stessi di disinteressarsi a uno o più avvenimenti.
    Dimenticare è un verbo che impone di perdere la memoria delle cose, facendole consapevolmente “uscire dalla mente”.
    Dimenticare rappresenta un distacco emotivo, una sorta di meccanismo di difesa prettamente umano, atto a rendere estraneo ciò che prima conoscevamo, o credevamo di conoscere.
    Erroneamente, noi esseri umani distratti, pensiamo che il primo sinonimo di questa parola sia scordare quando, in realtà, questi due verbi apparentemente simili hanno una sostanziale differenza: entrambi equivalgono ad un vero e proprio movimento sentimentale, ma dimenticare, come abbiamo visto, si dedica alla mente; scordare invece al cuore. La s privativa si unisce a cor, dando vita ad una metaforica “fuoriuscita dal cuore” del ricordo.
    Per questo io forse ti dimentico, ma sicuramente non ti scordo.
    “Scordare” è un verbo che non conosco. Scordare è più crudele di dimenticare: chi è dimenticato viene tolto dalla mente, chi è scordato viene tolto dal cuore.

  5. io non riesco a dimenticare niente, mi viene in mente, magari in piena notte un fatto, un viso che credevo di aver dimenticato e mi sveglio e provo forti emozioni che il tempo non ha cancellato

  6. “Dimentica….c’è chi dimentica…distrattamente un fiore…la domenica…e poi…silenzi.”….questa bellissima frase di Renato Zero…racconta un aspetto del dimenticare…dimenticarsi di quelle piccole cose…quei piccoli gesti….così importanti…che riempiono il cuore…..o lo schiaffeggiano…mortificano…nella loro assenza….

  7. Gli anziani vivono di ricordi e non hanno dimenticato quelli più brutti, rimangono sempre in mente e quando possono li confidano

  8. E c’è da chiedersi: siamo davvero in grado di dimenticare? Le parole non si dimenticano mai veramente, come la tua sedicenne che ora, grazie al tuo articolo, entra anche nel mondo dei tuoi lettori. La scrittura è proprio un antidoto alla dimenticanza :-)

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"