31.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Vicenza, alle elementari lezioni sui transgender ed è subito polemica

HomeNotizie VenetoVicenza, alle elementari lezioni sui transgender ed è subito polemica

bambini scuola elementare venezia

Dopo le fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne del Comune di Venezia, a fare scalpore ora è una scuola elementare di Arzignano (Vi), dove ai bambini è stata fatta una lezione, interamente dedicata alle differenze e alla sessualità, in particolare al cambio di sesso dei transgender.

I bambini di due classi quinte, hanno raccontato ai genitori di cosa avevano parlato a scuola quella mattina (un ciclo di quattro lezioni da un’ora e mezza ciascuna) e mamme e papà sono rimasti stupiti, ma non piacevolmente.

Le lezioni sono finanziate dal Comune e l’Assessore all’Istruzione, Beatrice Marchezzolo, ha dichiarato: ‘’In parte o totalmente. Le chiedono gli stessi genitori. Ci dispiace molto per la vicenda. Andremo a fondo, bisogna appurare. I corsi di educazione all’affettività sono tenuti da anni presso tutti gli istituti scolastici di Arzignano e preventivamente concordati tra insegnanti, esperti, genitori e dirigenti scolastici’’.

Qualche papà ha invece affermato: ‘’Per un bambino di quell’età non lo ritengo propriamente educativo, e comunque non capisco cosa interessi. Trovo doveroso che la scuola parli di affettività e sessualità, ma con bimbi di quinta elementare ci vuole molto tatto’’.

Ad unirsi ai genitori, anche il partito di estrema destra, Forza Nuova, che ha dichiarato solidarietà a mamme e papà. ‘’Combatteremo il buonismo di insegnanti politicizzati che vorrebbero far passare per anormale la coppia formata da marito e moglie, magari arrivando a sostituire gli stessi con i termini “genitore 1” e “genitore 2’’, ha dichiarato Daniele Beschin, coordinatore di Vicenza.

Redazione

[08/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.