16.3 C
Venezia
mercoledì 22 Settembre 2021

Via i soldi ai partiti, Letta ha deciso. (Ma a regime solo dal 2017)

HomeNotizie NazionaliVia i soldi ai partiti, Letta ha deciso. (Ma a regime solo dal 2017)

letta tagli e tasse

Il governo abolisce i fondi pubblici per i partiti, saranno possibili finanziamenti solo con la formula del due per mille.
Enrico Letta si rende protagonista di un gesto che potrebbe rasserenare la protesta i forconi: il decreto che recepisce il testo della Camera e azzera i finanziamenti ai partiti viene improvvisaqmente mandato avanti.

Il capo del governo lo annuncia con un tweet, prima ancora di informare i suoi più stretti collaboratori: «Avevo promesso ad aprile abolizione entro l’anno. L’ho confermato mercoledì. Ora in Consiglio dei ministri manteniamo la promessa».

La notizia spiazza anche i ministri, visto che il provvedimento non era all’ordine del giorno del Consiglio dei ministri. Pochi minuti e il dibattito esplode, su Twitter.

Esulta Gaetano Quagliariello, che ha lavorato al testo per superare quei dubbi di fattibilità che sembravano destinati a impedire il decreto. Poi anche Angelino Alfano rivendica gli «impegni mantenuti» dall’esecutivo. Sempre su Twitter Beppe Grillo sfida il premier a rilanciare: «Basta con le chiacchiere @enricoletta. Restituisci ORA 45 mln di rimborsi elettorali del Pd a iniziare da quelli di luglio». Una provocazione che il comico aveva già rivolto a Renzi, in fotocopia. Per Grillo le nuove norme sono «chiacchiere, l’ennesima presa per il culo». Per rinunciare ai soldi pubblici basterebbe «non prenderli, come ha fatto il M5S».

Letta spiega il nuovo meccanismo del finanziamento pubblico ai partiti alla sera sul Tg2: «Ora sono i cittadini che scelgono, con il meccanismo del 2 per mille, se vogliono dare il contributo ai partiti oppure no. L’inoptato resterà allo Stato… Da oggi è così, è il segno che stiamo facendo sul serio. Il tempo degli aut aut e delle minacce è finito».

Questi partiti continueranno comunque a godere dei denari pubblici (a parte M5S) perchè il finanziamento pubblico diretto verrà soppresso con un taglio del 25% nel 2014, del 50 nel 2015 e del 75 nel 2016, con chiusura totale dal 2017.

Redazione

[14/12/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. (cens) SALTIN BANCHI DAL 2017 (cens) FALSI PAGLIACCI
    A CARITA DOVRESTE ESSERE LETTA HAI LA FACCIA COME (cens) VUOI FAR VEDERE CHE CAMBIA TUTTO PER NON CAMBIARE NIENTE DALTRA PARTE UN MAESTRO COME (cens) TI IN SEGNA BENE ADESSO VADO A LAVORARE (cens) GUARDA CHE ORE SONO

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor