Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.7C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeNotizie di aperturaVeronica Panarello condannata a 30 anni, le sue 4 versioni

Veronica Panarello condannata a 30 anni, le sue 4 versioni

Veronica Panarello condannata a 30 anni, le sue 4 versioni

Veronica Panarello condannata a 30 anni per l’omicidio del figlio Loris. Trenta anni di carcere, accogliendo la richiesta del pubblico ministero Marco Rota, arrivati poco dopo le 18.30 con la sentenza del gup Andrea Reale, unico magistrato giudicante nel rito abbreviato su questa orribile storia che ha per protagonista una giovane madre capace di uccidere il figlio e di occultarne il cadavere gettandolo in una canalone per poi correre a una lezione di cucina, fingere attenzione, salutare e sorridere a insegnanti e compagni, volando poi a scuola per continuare a dissimulare con le maestre, recitando infine il dramma di una madre terrorizzata perché qualcuno potrebbe averle portato via il figlio.

Il Gup di Ragusa, Andrea Reale, legge in aula la sentenza, con voce chiara e nitida: “dichiara Veronica Panarello colpevole di omicidio e di occultamento di cadavere aggravati”, esclude “premeditazione e sevizie”, e la “condanna a 30 anni di reclusione”. Lei ascolta attonita, quasi incredula, e scoppia a piangere, perché, spiega il suo legale, l’avvocato Francesco Villardita, “si ritiene innocente”.

Ma per il giudice, davanti al quale il processo si è celebrato col rito abbreviato, suo figlio Loris, 8 anni, il 29 novembre del 2014, l’ha ucciso lei, nella loro casa di Santa Croce Camerina, strangolandolo con una fascetta di plastica stretta attorno al collo e poi nascondendo il corpo nel canalone di contrada Mulino Vecchio. Lei e solo lei.

Non suo suocero, Andrea Stival, come ha raccontato nella sua ultima versione, e cioé che avrebbe assassinato il nipote perché aveva minacciato di rivelare una loro presunta relazione. Il movente è apparso ‘plausibile’, ma non provato, alla Procura.

Ma per il Gup sarebbe un’altra ‘bugia’ della donna, e ha disposto la trasmissione degli atti ai Pm per “valutare la consumazione del delitto di calunnia da parte dell’imputata nei confronti di Andrea Stival”. Lui è in aula e non commenta. Parla il suo legale, l’avvocato Francesco Biazzo: “è una sentenza che dà pace e rende giustizia a Loris e al nonno, noi lo diciamo da sempre che le accuse sono false, e oggi un giudice ce ne dà atto”.

Diversa la lettura del legale di Veronica Panarello, l’avvocato Francesco Villardita: “lei continua a piangere perché non accetta questa sentenza perché si ritiene non colpevole”. Una linea che sarà tracciata con continuità anche in secondo grado, annuncia il legale: “non condividiamo la decisione del Gup, perché Veronica Panarello continua a proclamarsi innocente, e quindi l’appelleremo appena usciranno le motivazioni”.

Ha ascoltato in silenzio la sentenza Davide Stival, una vita distrutta: la moglie condannata per avere ucciso il loro figlio maggiore e il lavoro perduto per stare accanto a quello più piccolo. E l’accusa lanciata dalla moglie di averlo tradito con suo padre. Tace, accanto alla madre, Pinuccia Aprile, che si è separata da tempo dal marito. Gli occhi gli si arrossano, ma non riesce neppure a piangere.

Riavvolge il nastro degli ultimi due anni della sua vita, trascorsi prima accanto alla moglie, a difenderla dalle accuse alle quali non credeva. Poi a fianco all’accusa, “alla ricerca della verità e di giustizia”. Perché le ‘bugie’ di Veronica non hanno più convinto neppure lui. L’ha sostenuta quando diceva con determinazione di avere accompagnato il figlio a scuola. Ribadendolo con ostinazione davanti alle indagini di polizia di Stato, squadra mobile e carabinieri e alle telecamere che la smentivano.

E così nove giorni dopo la scoperta del corpo di Loris nel canalone da parte di Orazio Fidone, il ‘cacciatore’, quando la Procura ferma sua moglie, lui ha il primo crollo: “se è stata lei mi crolla il mondo addosso”, dice sgomento.

Poi le versioni di Veronica Panarello cambiano, ma girando sempre attorno a un ‘perno’ centrale e inossidabile per lei: “io sono innocente”, che ribadisce dopo la sentenza. Ma in tre gradi di giudizio nessuno le crede: Gip di Ragusa, Tribunale del riesame di Catania e Cassazione. Adesso la sentenza.

A novembre del 2015 le prime ammissioni: “sì – dice al marito durante un incontro in carcere – Loris non l’ho accompagnato a scuola, è salito a casa da solo, usando il portachiavi con l’orsacchiotto. Il resto non lo ricordo. Ho un buco nella memoria. Ma non l’ho ucciso io”.

Poi, nello stesso mese la terza ‘versione’: “è stato un incidente: si è ucciso da solo giocando con le fascette”, ripete in un filmato mentre ‘mima’ la caduta del bimbo e il suo tentativo inutile di salvarlo.

A gennaio 2016 l’ultima ricostruzione, confermata un mese dopo alla Procura: “è stato mio suocero, Andrea Stival, a uccidere Loris, che voleva rivelare che avevamo una relazione”. Lui è indagato, come atto dovuto, in un’altra inchiesta, per concorso in omicidio, ma per i Pm dalle indagini emerge che “in quell’angolo buio entrò soltanto lei”. E nessun altro.

Lei continua a puntare il dito contro il suocero in aula, quando il suo legale, come parte civile, chiede la sua condanna e un risarcimento danni: “ma come? – urla Veronica Panarello – hai ucciso tu Loris e mi chiedi anche i soldi?”. Poi al Gup dice: “Se ci sono mie responsabilità pagherò, ma con me deve farlo anche l’esecutore materiale del delitto: mio suocero”.

E’ l’ultima verità di Veronica, ma neppure il Gup le crede e la condanna a 30 anni di reclusione, escludendo la premeditazione e le sevizie. Le toglie la responsabilità genitoriale sul secondo figlio per la durata della pena principale.

Esce dall’aula il Pm Rota che commenta la sentenza, che ha accolto le richieste della Procura, “senza soddisfazione”, ma con la “consapevolezza di avere fatto il nostro dovere e un buon lavoro”.

Mario Nascimbeni | 18/10/2016 | (Photo: repertorio, Veronica Panarello) | [cod omilo]

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.