Venezia, gondoliere condannato anche in secondo grado per l’incidente di Rialto

ultimo aggiornamento: 09/06/2020 ore 06:35

9541

Turista tedesco morto in gondola a Venezia, iniziato il processo

Venezia, il gondoliere condannato in primo grado per l’incidente di Rialto del 17 agosto 2013 ha visto confermare la sentenza dalla Corte d’Appello.

Daniele F., come si legge nel primo dispositivo del Tribunale di Venezia, è ritenuto responsabile di manovre che hanno causato l’incidente nel quale ha perso la vita il professore tedesco Joachim Vogel per «Una serie di comportamenti caratterizzati da colpe generiche come imprudenza… e imperizia. Al gondoliere si imputa anche, tra altre cose, di non aver concesso la dovuta precedenza ad un battello della ‘Linea 2′ in movimento.

La Corte d’Appello ha sostanzialmente sposato la tesi dei giudici di primo grado, confermando la condanna a dieci mesi (pena sospesa) per il gondoliere, un operatore di cinquant’anni (oggi), quindi esperto.

L’avvocato dell’accusato ha più volte sostenuto che le manovre erano state obbligate a causa delle correnti in quel tratto, ma la tesi non ha sollevato il gondoliere dalle responsabilità.

La moglie del professore tedesco, successivamente a Venezia per un convegno, aveva dichiarato: “E’ stato il vaporetto a venire addosso alla gondola” ed aveva poi ringraziato la rappresentanza di gondolieri che il giorno del funerale del marito si sono recati a Tubinga per mostrare la loro solidarietà. “É stato un grande gesto da parte loro, molto toccante. Più in generale, noi siamo grati alla città di Venezia, alle persone che ci hanno assistito e a medici e infermieri dell’ospedale per la loro efficienza.”

Quel 17 agosto 2013 l’incidente in Canal Grande davanti a Rialto, suo marito perì venendo schiacciato nel tentativo di difendere i figli dal vaporetto che andava contro la gondola su cui si trovavano precauzionalmente tenuta ferma a riva da un altro gondoliere. La responsabilità del condannato andrebbe fatta risalire ad una serie di manovre che hanno causato intralcio ad un vaporetto e poi ad un secondo in movimento.

Il gondoliere ha quindi visto confermata la condanna a 10 mesi inflitti in primo grado ma l’avvocato difensore Antonio Alessandri ha già preannunciato il ricorso in Cassazione.

L’incidente aveva già portato alla condanna con rito abbreviato di tre piloti Actv che, secondo l’accusa, avevano tenuto una condotta poco prudente, e di un motoscafista che aveva fatto una manovra pericolosa.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina