Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
17.1C
Venezia
sabato 27 Febbraio 2021
HomeCrisiVenezia, riaprire bar e ristoranti: le proposte della Fipe al ministro

Venezia, riaprire bar e ristoranti: le proposte della Fipe al ministro

Venezia, riaprire bar e ristoranti. Fipe Venezia rilancia le proposte avanzate a livello nazionale al ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli.
Il presidente di Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia e di Fipe Venezia, Massimo Zanon, sostiene che “Riaprire si può e si deve per evitare il tracollo del comparto”.
Nella giornata di ieri Fipe Confcommercio, Fiepet Confesercenti e i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, hanno inoltrato un documento di 13 pagine al ministro dello Sviluppo economico Stefano Pattuanelli con una serie molto articolata di proposte per consentire la riapertura di bar e ristoranti.
“Queste proposte dimostrano che si può trovare un punto d’intesa tra l’emergenza sanitaria e quella economica. Ci auguriamo di ripartire da qui”, spiega il presidente di Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia e Fipe Venezia Massimo Zanon.
In sintesi, il documento prevede:

– la possibilità, in zona gialla, di riaprire al pubblico alla sera e, in zona arancione, a pranzo e fino alle ore 18, con superamento del divieto di asporto oltre tale orario;
– la richiesta di inserire gli addetti dei pubblici servizi tra le categorie a cui prioritariamente vada somministrato il vaccino anti Covid, una volta terminato quello per il personale sanitario e gli ospiti delle strutture socio sanitarie;
– la possibilità di inserire gradualmente il passaporto sanitario per la clientela;
– la disponibilità ad adeguare e sottoscrivere nuovi protocolli d’intesa con le Istituzioni per consentire la riapertura che è necessaria per superare la crisi del settore (da inizio pandemia gli esercizi hanno subìto oltre 160 giorni di chiusura e ci sono attività, come il catering, ferme da un anno).
“Sono indicazioni di buon senso – commenta il presidente Zanon – Il lavoro svolto a livello centrale, molto approfondito, dimostra che si può raggiungere il giusto equilibrio tra la

necessità di riaprire e quella di assicurare il rispetto delle misure di prevenzione e contrasto del contagio. Per parte nostra ribadiamo che è urgente essere rimessi nelle condizioni di riavviare il nostro lavoro, per garantire la continuità delle attività e il reddito nostro e dei nostri dipendenti e collaboratori, evitando casi di disperazione sempre, purtroppo, potenzialmente possibili”.
Al ministro è stato rappresentata l’opportunità di prevedere discipline diverse per locali diversi: un conto, infatti, è avere un ristorante con ampia metratura e diversi tavoli a disposizione per il pubblico; un altro, un bar col solo bancone per gli avventori. Ebbene:

il primo potrebbe riaprire con determinate accortezze: obbligo di prenotazione, di misurazione della temperatura corporea all’ingresso, di pagamento elettronico; il secondo, costretto a restare chiuso, dovrà beneficiare di aiuti di sostegno effettivi, fermo restando che le eventuali violazioni dovranno tradursi in sanzioni.
In prospettiva, infine, occorre rafforzare le misure economiche di supporto al settore:
– ricalcolo dei ristori e degli indennizzi anche a fondo perduto, su base annua;
– esenzione del pagamento dell’Imu per il 2021;
– prolungamento degli ammortizzatori sociali fino al termine dell’emergenza;
– interventi sulle locazioni commerciali;
– revisione dei costi di gestione (utenze), delle tasse e imposte.

“Servono provvedimenti straordinari per un’emergenza straordinaria – conclude il presidente Zanon – I pubblici esercizi rappresentano un punto di riferimento per i quartieri e le città, servono migliaia di consumatori tra cui molti lavoratori per pranzo, sono un presidio di socialità. Riaprire si può e si deve per evitare il tracollo del comparto. Bar e ristoranti possono farlo, gradualmente ma stabilmente, con tutte le precauzioni e le sicurezze del caso”.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Precipita nel vuoto per 40 metri. Morto Lorenzo Gatti, 29 anni

Precipita nel vuoto per circa 40 metri. Una caduta fatale per Lorenzo Gatti, l'alpinista di 29 anni morto nella tarda mattinata di oggi mentre...
spot

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.