Venezia, approvato bilancio di previsione del Comune 2020-2022

ultimo aggiornamento: 20/12/2019 ore 00:21

79

Separazione Venezia Mestre provoca crisi nella maggioranza di Brugnaro
Venezia, approvato il bilancio di previsione del Comune 2020-2022.
Il Consiglio comunale di Ca’ Farsetti oggi ha dato via libera, con 23 voti favorevoli e 5 contrari, al bilancio di previsione 2020-2022 e all’aggiornamento del Documento unico di Programmazione per il medesimo triennio.

Per i prossimi tre anni, spiegano da Ca’ Farsetti, sono stati confermati i livelli di erogazione dei servizi, senza incrementi significativi della spesa ed è stato ridotto il carico tributario nei confronti dei cittadini attraverso la riduzione delle tariffe della Tari.

In particolare si prevede una riduzione media per le famiglie pari a circa il 17%, arrivando in due anni a una riduzione di circa il 20% e quindi a una tariffa di importo mediamente inferiore a quanto pagato nel 2013.


Per le attività produttive, la riduzione è pari mediamente al 3,2% rispetto al 2019, con la conferma delle sostituzioni per i negozi di vicinato che porta la tariffa a una riduzione cumulata, rispetto al 2018, di circa il 32%.

Per i negozi di piccolo commercio, è stata estesa la riduzione su tutta la quota relativa ai primi 100 mq., portando ad una riduzione cumulata rispetto al 2018 del 23% circa, a decrescere al crescere della superficie oltre i 100 mq.

Tra le poste più significative contenute nel provvedimento dal Comune ricordano:


– lo stanziamento di 1,3 milioni necessario per l’organizzazione della seconda edizione del Salone nautico all’Arsenale;
– l’incremento dello stanziamento a favore delle scuole materne private al fine di garantire nel 2020 una contribuzione pari a 940 mila euro;
– la conferma dello stanziamento di 360mila euro per la realizzazione dell’iniziativa 6Sport per l’avvio alla pratica sportiva dei bambini di 6 anni;
– la conferma dello stanziamento di 250mila euro per l’attività di vigilanza e informativa nel Centro storico, a tutela del decoro della città;
– l’incremento dei fondi a favore delle biblioteche a seguito del previsto ampliamento della Vez.

Sul fronte degli investimenti, il provvedimento, garantisce il medesimo livello di manutenzioni al patrimonio immobiliare e alla viabilità della città, e contiene la programmazione di alcuni interventi per la realizzazione di nuove opere o per il potenziamento di opere esistenti.

In particolare, ricordano da Ca’ Farsetti, per il 2020 si prevede il finanziamento dei seguenti interventi:

– 2 milioni per l’estensione della rete antincendio della Città storica
– 1,2 milioni per interventi di restauro e consolidamento del muro di cinta del cimitero di San Michele
– 1,1 milioni per la realizzazione della pista ciclo pedonale di via Asseggiano alla Gazzera
– 1,8 milioni per la pista ciclo pedonale Favaro-Tessera
– 4,3 milioni per l’adeguamento e il consolidamento dei cavalcavia di Marghera e Corso del Popolo
– 1,2 milioni per la ristrutturazione e l’ampliamento della palestra Spes Mestre;
– 350mila euro per la realizzazione della nuova aula magna alla scuola Einaudi a Marghera;
– 75mila euro per la manutenzione straordinaria della scuola Spallanzani di Mestre;
– 900mila euro per interventi di efficientamento energetico alla scuola primaria e dell’infanzia Penzo del Lido di Venezia, di cui 810mila finanziati dalla Regione;
– il completamento del raccordo viario Brendole – Castellana, complementare alla realizzazione della Sfmar, mediante contributo delle Ferrovie di 10 milioni;
– 250mila euro per interventi di riqualificazione dell’arredo urbano di via Piave.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here