martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

Vaporetti a Venezia: addio Linea 3. Cacciari: Ma cosa vogliono questi veneziani?

HomevaporettiVaporetti a Venezia: addio Linea 3. Cacciari: Ma cosa vogliono questi veneziani?

La “Linea 3” è andata. Morta e sepolta.
Quel simbolino azzurro che rappresentava la speranza di quelle poche decine di migliaia di persone che ancora si ostinano a voler abitare a Venezia, è scomparso.
Speranza in che cosa?
Nel fatto di godere ancora di qualche considerazione per gli amministratori pubblici, sempre più proiettati alle presenze, e quindi all’indotto turistico.
Nel fatto di poter finalmente salire su un mezzo pubblico senza spinte, senza dover far attenzione alle mosse di zaini ciclopici e pesanti trolley.
Nel fatto di non essere più ignorati dalle persone che, ammaliate dalla visuale, impediscono lo sbarco, e che spesso guardano brutto chi chiede di poter passare.
Nel fatto di non essere più costretti a viaggiare accanto a visitatori che riposano i piedi stanchi (a volte nudi) sul sedile di fronte.
La notizia non arriva però inaspettata.
Lo si doveva capire da quando il sindaco aveva fatto iniziare la promiscuità a bordo con uno scatto di nervi verso il marinaio vedendo un mezzo troppo vuoto.
Lo si doveva capire da quando i vertici ACTV hanno cominciato

a parlare di costi e conti in rosso.
Quello però che dimenticano di ricordare, è che l’attivazione della “Linea 3” era stata una delle cause degli ultimi aumenti degli abbonamenti (che sia prevista una riduzione ora?).
Hanno trascurato anche di parlarci dei costi di IMOB (che funziona come funziona) e dei costi della dotazione di palmari per il personale comprata 2 volte perché finita sott’acqua per l’incuria di non averla sistemata dove non poteva arrivare l’acqua alta.
La comunicazione da parte del sindaco è drastica: “Fine per scarso apprezzamento degli stessi utenti”, dimenticando però la poco manifestata volontà  di sabotare l’iniziativa dal principio da parte di tutti ad eccezione degli utenti.
Nata per fare finecorsa a San Marco, eliminando subito i fruitori residenti di Arsenale, Giardini, Sant’Elena e Lido, la linea si è vista dimezzare la frequenza subito dopo.
Con le corse ridotte a due all’ora un residente che arrivava in pontile ovviamente si serviva del mezzo “comune” per non aspettare mezzora.

I commenti della cittadinanza sono di consapevole fatalismo, accomunati nella dignitosa speranza che ci sia almeno un errore nelle dichiarazioni del sindaco riportate dal “Corriere“.
Cacciari, pensando di intensificare le corse della “Linea 1” avrebbe dichiarato: “Basterà ? Più di così non si può fare; che cosa vogliono ancora i veneziani? Il motoscafo sotto casa?».

Paolo Pradolin

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...