spot_img
spot_img
spot_img
11.7 C
Venezia
lunedì 18 Ottobre 2021

Quel Vangelo apocrifo. Anche il Samaritano tiene famiglia

HomeSolidarietàQuel Vangelo apocrifo. Anche il Samaritano tiene famiglia

Quel Vangelo apocrifo. Anche il Samaritano tiene famiglia

Non può essere che così: quel Vangelo apocrifo l’ho sognato, non esiste. Narrava del buon Samaritano (Lc 10,25-37), che sì, soccorse la vittima dei briganti, invece ignorata dal sacerdote e dal levita .

Certo: anch’essi potevano essere assaliti e percossi dai briganti, perciò passarono oltre. Prevenire è meglio che curare, legittima difesa! Così precisa l’evangelista apocrifo.

Anche il Samaritano ha i suoi limiti, “tiene famiglia, ha i suoi affari”. Al momento cura quella vittima, versa olio e vino sulle sue ferite, lo porta alla locanda, da due denari all’ oste perché lo sostenti sino al suo ritorno e lo rassicura: quanto spenderai di più ti sarà rifuso al mio ritorno.

L’evangelista apocrifo aggiunge: così fece con sano realismo. Prima di tutto la sua famiglia, la sua Samaria, i suoi affari, del viandante ferito si occuperà poi, al suo ritorno, se avrà tempo, se passerà ancora di lì, dopo essersi dissetato con l’acqua offertagli dalla Samaritana, è donna della sua terra (Gv 4, 5-10).

Così faccio anch’io, quando dono la giacca a vento dismessa, un panino, uno o due euro e rispolvero il mio antico inglese con uno tra i nigeriani di turno. “Be confident, you are not alone, God watch you!”, gli dico.

Uno solo, non potrei con due o tre, uno basta. Tengo famiglia.

Poi tiro oltre, me ne torno a casa. Nonostante le buone parole del novello evangelista, che dal palco, col megafono mi rassicura esibendo il (suo) Vangelo e il (suo) rosario, più che un Samaritano mi pare d’essere un Levita, un Fariseo. L’ aperitivo con gli amici, Aperol e patatine, costano solo cinque euro, così è la vita.

PAOLO ANGELO NAPOLI

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements