giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Uomo sposato ricattato per una “scappatella in web”. Arrestata ricattatrice a Mirano

HomeMiranoUomo sposato ricattato per una "scappatella in web". Arrestata ricattatrice a Mirano

Uomo sposato ricattato per una "scappatella in web". Arrestata ricattatrice a Mirano

Uomo sposato ricattato per quella che è stata definita una “scappatella in web” ma che ha preso dimensioni che non si potevano più controllare con squilli di telefono e richieste di denaro all’insaputa della moglie.

I Carabinieri della Stazione di Mirano sono intervenuti ed hanno posto fine al ricatto, che durava già da alcuni giorni, ai danni dell’uomo sposato residente nel padovano.
L’autrice del ricatto, una ragazza

residente a Mirano centro, è stata arrestata in flagranza di reato per estorsione.

L’attività d’indagine dei militari è partita dopo la denuncia presentata dall’uomo ed ha permesso di stroncare l’attività di E.A.N. , ragazza di 18 anni di origini nordafricane che, tramite un profilo su subito.it di offerte di lavoro, aveva instaurato un rapporto a distanza che era proseguito via chat privatamente in Whatsapp.

L’uomo aveva infatti fornito volontariamente il suo numero di cellulare pensando ad un ‘fuori programma’ eccitante, così la relazione “epistolare/elettronica” lentamente – messaggio dopo messaggio – è scivolata in un piano confidenziale di natura sentimentale.

L’uomo poi prendeva anche l’iniziativa ed ha proposto di passare del tempo assieme, non turbandosi, almeno inizialmente, nemmeno quando la ragazza gli chiedeva un compenso in cambio. Dopo una prima fase di contrattazione e un continuo scambio di messaggi, chiaramente all’oscuro dalla moglie, l’uomo però, giunto al dunque, si pentiva e dichiarava di volersi sottrarre all’accordo.

Da questo momento sono inziate

da parte della ragazza varie e continue richieste di denaro con la minaccia di rivelare il contenuto delle chat amorose alla moglie.
La richiesta iniziale è stata per la ragguardevole cifra di 1.000 Euro e il fedifrago virtuale, ormai irretito dalla minaccia e dalla paura di compromettere il matrimonio ha ceduto e si è spostato a Mirano per consegnare una busta contenente il denaro come da istruzioni della ricattatrice. La busta è stata quindi abbandonata in un cestino pubblico per poi essere recuperata fulmineamente dalla ragazza.

Ma i “rapporti elettronici” non si sono interrotti, almeno da parte della ragazza, che ha continuato a mandare messaggi che oscillano dalle offerte d’amore a nuove minacce di rilevare tutto. L’uomo, a questo punto, in preda al panico anche per il fatto che il telefono squillava spesso in momenti di normale vita famigliare ha realizzato di trovarsi dentro una macchinazione

che sfociava in un vero e proprio crimine.
Il pentito innamorato si è quindi rivolto ai Carabinieri, “vuotando il sacco” nel corso di una lunga e sofferta denuncia. Nel frattempo, puntuale come una rata di un mutuo, arriva la seconda richiesta di denaro: la ragazza chiede altri mille euro, con la medesima modalità di consegna.

Ma i Carabinieri questa volta predispongono il classico servizio di osservazione durante la consegna in una cornice di perfetta sicurezza.
L’uomo, come da istruzioni, abbandona la busta nel cestino come fosse un rifiuto, allontanandosi. Dopo qualche minuto, dal portone dell’abitazione giusto di fronte al posto, esce la ragazza che – guardandosi attorno con fare guardingo – recupera la busta.

I Carabinieri a questo punto, avendo ormai la certezza che si trattasse proprio della ricattatrice cercata, la bloccano prima che potesse re-infilare l’uscio di casa.

I successivi accertamenti sui primi mille euro

permettono di tracciare un pagamento elettronico, dovuto da quanto dichiarato dalla giovane all’”acquisto” di una patente di guida. Sono comunque in corso altri accertamenti per sondare altre dinamiche criminali e se le dichiarazioni non siano un mezzo per nascondere altri illeciti.

La responsabile è stata tratta in arresto per il grave reato di Estorsione aggravata e continuata e posta agli arresti domiciliari.

I Carabinieri ricordano

che bisogna tenere sempre alta l’attenzione sull’importanza delle “relazioni elettroniche”, evitando lo scambio in rete di dati verso soggetti non conosciuti personalmente in quanto informazioni che poi possono essere utilizzate in maniera indiscriminata e per gli scopi più disparati.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...