Ultimatum di Veneto Nazionale: Elezioni subito

ultimo aggiornamento: 29/12/2016 ore 11:36

1045

Il Verdetto del referendum è stato chiaro ma la Casta non se ne avvede; le
incrostazioni progressiste e mondialiste e i lacchè dei poteri forti, la
stampa prezzolata e le mafie immigrazioniste, ancora una volta si
dimostrano chiuse a Versailles intente a ballare i loro minuetti cieche e
sorde alle grida e alle maledizioni del Popolo che langue.

Buona parte di quei milioni di Italiani che hanno vergato con rabbia e
disperazione il NO, sono i Nazionalisti, i Patrioti, insieme alla
maggioranza silenziosa; hanno lanciato così l’ultimo appello prima di
spazzare via fisicamente il regime.

Vogliamo le elezioni subito senza indulgere in decantazioni e attese
ingiustificate ed ingiustificabili.

Qualsiasi sia la legge elettorale; dopo almeno tre governi imposti dalle
lobby straniere vogliamo ritornare sovrani e determinare così il Nostro
destino!

Veneto Nazionale

07/12/2016

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

  1. Comicopoli

    La scena descritta dal BUONGIORNO odierno, addì 7 dicembre 2016, di Massimo Gramellini si svolge nell’emisfero australe in Australia, in un parco riservato ai canguri. E, si sono salvati tutti: il guardiano, che non ha perso il suo posto di lavoro per maltrattamenti di animali per la cui protezione è stato assunto dalla Direzione del parco australiano, il suo cane, che ha potuto, dopo la brutta avventura, riprendersi e continuare a respirare e il canguro bullo, che ha osato, come era nel suo diritto, sfidare il suo guardiano boxeur e che, molto probabilmente, ritenterà la sua impresa nel territorio a lui riservato, in un momento più propizio.
    Se la stessa scena fosse avvenuta nel Circo di Mosca, installato nella Piazza Rossa di Mosca, capitale di Russia unita o magari nello stesso Circo trasferitosi e installatosi davanti al Campidoglio di Washington per allietare le feste natalizie, si sarebbe trattato di un canguro addestrato dal suo domatore, che avrebbe portato nel Circo, famoso in tutto il Mondo, il suo cane addestrato ad essere preso alla gola dal canguro e salvato ogni giorno dal suo padrone e addestratore nello stesso tempo.
    I bambini sarebbero contenti sia a Mosca e sia a Washington, ma , personalmente non andrei né porterei bambini a vedere una scena simile, neanche se il Circo di Mosca venisse ad installarsi nel Parco Catene di Marghera, a due passi da casa mia e i biglietti mi fossero regalati da Vladimir Putin in persona.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here