venerdì 21 Gennaio 2022
1 C
Venezia

Tunisino violento sfascia vetrine a Rialto: ecco come si è scatenata la furia [video]

HomeStranieri violentiTunisino violento sfascia vetrine a Rialto: ecco come si è scatenata la furia

tunisino violento rialto aggredisce video

Il video pubblicato ieri mostra lo straniero violento prendere una piantana e sfasciare le vetrate del locale “Alba” di Rialto, vicino San Bartolomeo, con la gente all’interno che urla atterrita dalla paura.

Ma cosa è accaduto negli attimi precedenti?

Scene da film thriller, secondo le testimonianze, attimi di violenza urbana che si possono vedere solo nella finzione cinematografica.

Un nuovo video racconta i fatti fin qui ricostruiti: T.H., cittadino tunisino di 29 anni, in evidente stato di alterazione, poco prima delle 23 di mercoledì importunava e aggrediva la gente che passava per strada.

A farne le spese, soprattutto, una giovane che stava rientrando al proprio domicilio e si è trovata toccata, abbracciata, strattonata, spinta dallo straniero.

La ragazza è riuscita a scappare e a ripararsi nel locale vicino chiedendo aiuto. Dopo pochi attimi, però, è arrivato anche l’aggressore che è entrato nello stesso locale.

Inizialmente l’atteggiamento pareva quello di uno che voleva giustificarsi e magari scusarsi, mentre la ragazza veniva ‘protetta’ dietro una barriera di persone che le stavano davanti, ma in una frazione di secondo la situazione è precipitata.

Il video nuovo che pubblichiamo mostra infatti il tunisino che si butta bruscamente e immotivatamente addosso ad un ragazzo per picchiarlo, anche se quest’ultimo assisteva pacificamente non avendo fatto alcun cenno di provocazione.

Subito il gruppo si getta sullo straniero per togliergli dalla stretta delle mani il ragazzo e, una volta riuscita l’impresa, i presenti riescono a far uscire il tunisino mentre qualcuno grida: “Chiudetelo fuori… sbarrate le porte…”.

Il video di oggi mostra i fatti fino a questo punto.

La vicenda avrebbe potuto ritenersi magari qui conclusa (anche se il ragazzo aggredito deve mettere nella conta dei danni gli occhiali rotti) se l’aggressore se ne fosse andato. Invece la furia dello straniero aumenta e lo fa diventare ancora più violento.

Come noto, lo straniero, una volta all’esterno, afferra una piantana e comincia a colpire le vetrine del locale finché ne manda in pezzi una, mentre all’interno ci sono urla di terrore e invocazioni alla polizia affinché arrivi presto.

Il video pubblicato ieri mostra proprio questi attimi drammatici della storia. Il filmato qui sotto.

L’uomo è stato poi – con fatica – portato in Questura per l’identificazione e successivamente deferito in stato di libertà per i reati di resistenza e minaccia a P.U. e danneggiamento.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...