mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Terremoto 7.2 ad Haiti: un’ecatombe

HomeTerremotoTerremoto 7.2 ad Haiti: un'ecatombe

Il terremoto di magnitudo 7,2 che ha colpito ieri Haiti è un incubo che si aggrava ogni momento di più.
Alle 7 (ora italiana) di oggi, 15/08/21, si parla di oltre 1.500 morti accertati, secondo quanto rende noto la protezione civile.
Lo scenario è post-apocalittico. Interi edifici in macerie, riversati sulle strade.
Poi urla delle persone che corrono per le strade in preda al panico.
Poi paura e rassegnazione di un popolo stremato dall’ennesima disgrazia che porta con sé almeno 29 morti (che si teme possano essere molti di più) e pesanti danni.
Sono scene veramente drammatiche quelle vissute ad Haiti, dove la terra è tornata a tremare, ancora una volta, con una violentissima scossa di magnitudo 7.2 che ha fatto ripiombare il Paese in un incubo vissuto già undici anni fa, con quel sisma devastante dal quale non si è mai veramente ripreso.

Il premier Ariel Henry ha annunciato che il governo mobiliterà tutte le risorse a disposizione per assistere la popolazione colpita, mentre il presidente Usa Joe Biden ha annunciato aiuti “immediati” al Paese, ormai in ginocchio tra crisi politica, povertà, violenza e la pandemia.
Il terremoto di magnitudo 7.2 è stato avvertito alle 8:30 locali (le 13,30 italiane) a circa 160 chilometri di strada a ovest della capitale Port-au-Prince, a nord-est dalla città di Saint-Louis-du-Sud, con 10 km di profondità.
Una lunga scossa, avvertita in tutto il Paese.
I video diffusi online dai testimoni hanno mostrato fin da subito la devastazione che il sisma ha portato con sé nel sudovest e gli sforzi per estrarre i feriti dalle rovine dei palazzi crollati, in località come Jérémie e Les Cayes.
Edifici religiosi, scuole e case sono state danneggiate.
Anche una chiesa, in cui a quanto sembra era in corso una cerimonia nella città di Les Anglais, 200 km a sud-ovest di Port-au-Prince.

Poco dopo il terremoto, l’agenzia statunitense Usgs ha emesso un’allerta tsunami che ha successivamente revocato.
E che ci fossero molte vittime per la tragedia era drammaticamente chiaro fin da subito.
Nelle ore successive è arrivata la conferma, con il primo bilancio della protezione civile haitiana, che ha riferito di centinaia di morti.
“Sto mobilitando tutte le risorse della mia amministrazione per assistere le vittime”, ha scritto su Twitter il primo ministro Henry, facendo “appello allo spirito di solidarietà e di impegno di tutti gli haitiani, per unirsi per affrontare questa drammatica situazione”.

“In seguito al terremoto che ha causato enormi danni nel sud, a Grand’Anse e Nippes, ho già mobilitato l’intero team del governo per adottare tutte le misure necessarie con urgenza”, si legge in un altro messaggio.


 

La devastante scossa ha trascinato di nuovo nel terrore la popolazione haitiana, dopo il terremoto di magnitudo 7.0 che nel gennaio 2010 rase al suolo gran parte di Port-au-Prince e delle città vicine, uccidendo più di 200.000 persone e ferendone circa 300.000.
Undici anni fa, più di un milione e mezzo di haitiani rimasero senza casa.
Centinaia di abitazioni, edifici amministrativi e scuole andarono distrutte, insieme al 60% del sistema sanitario di Haiti.
Un’emergenza umanitaria dalla quale non si è mai veramente risollevata.

E il nuovo sisma va ad aggiungere l’ennesima crisi a un Paese politicamente allo sbando, dopo che poco più di un mese fa il presidente Jovenel Moise è stato assassinato nella sua casa da un commando di uomini armati: ulteriore scompiglio, oltre alla violenza delle bande e dopo i disastri del Covid-19.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Venezia: arriveranno un nuovo Ferry boat e due battelli ibridi

La Giunta Comunale, riunitasi oggi, ha approvato la convenzione tra il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ed il Comune di Venezia avente ad oggetto la “Regolamentazione dei rapporti relativi al finanziamento per incentivare la salvaguardia ambientale e la prevenzione...

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa. Un passeggero si era appena...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.