7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Teatro Goldoni, restyling da un milione e mezzo all’insegna della sostenibilità

HomeTeatro Goldoni VeneziaTeatro Goldoni, restyling da un milione e mezzo all'insegna della sostenibilità
la notizia dopo la pubblicità

teatro goldoni venezia
Teatro Goldoni di Venezia, a quarant’anni dalla sua riapertura a breve partiranno i lavori per la modernizzazione.

Un restyling all’insegna della tecnologia e della sostenibilità grazie al finanziamento del Comune di Venezia, all’impegno del Teatro Stabile del Veneto, al sostegno di tre storiche aziende veneziane, ma anche alle maestranze.

Il progetto è stato presentato oggi in conferenza stampa alla presenza del presidente del Teatro Stabile del Veneto, Giampiero Beltotto, e dall’assessore comunale al Bilancio Michele Zuin.

Il rinnovo degli interni segna una svolta “green” al teatro, che mira a diventare un modello di sostenibilità. Si passerà dalle lampade alogene a led (garantendo un risparmio di 150mila kWh e di 63 tonnellate di emissioni di co2), che verranno utilizzati materiali eco-compatibili e che si punterà a una gestione complessiva volta alla riduzione dei consumi e dei rifiuti.

Inoltre una particolare attenzione verrà rivolta alle persone con ridotta mobilità, per le quali saranno previste sedute particolari. In generale, il vecchio modello “poltrona Goldoni” sarà rinnovato, ma senza stravolgimenti: rimarranno rosse, anche se di un tono più acceso, e, soprattutto, risulteranno più comode e maneggevoli da smontare.

Un regalo particolare è stato fatto al teatro dai suoi stessi dipendenti: le maestranze hanno infatti sostituito 130 tendine e 5mila pendagli per un totale di 250 ore di manodopera. Un gesto, questo, che è stato riconosciuto dal presidente dello Stabile e premiato con una pubblicazione ad hoc sul lavoro svolto.

Il Teatro Goldoni verrà infine dotato di wi-fi, per attrarre anche un pubblico internazionale: quest’infrastruttura permetterà infatti l’utilizzo di una nuova app, finora sperimentata solo nella lirica, per la traduzione simultanea degli spettacoli in più lingue.

“Il Goldoni ha una storia antichissima – ha spiegato il presidente Beltotto – e quando ci siamo resi conto che la nostra casa aveva bisogno di manutenzione, come accade in ogni famiglia, abbiamo voluto prendercene cura. Così, insieme al sindaco di Venezia, che ringrazio per la sensibilità e l’immediata disponibilità dimostrata, abbiamo voluto garantire a questo teatro il posto che gli spetta in città e in Europa, con interventi che lo rendano sempre più confortevole, tecnologico e sostenibile. I cittadini hanno diritto a fruire degli spettacoli comodamente e la città tutta avrà un teatro che sarà il più importante avamposto tecnologico che una capitale culturale possa avere. Sono grato ai dipendenti del Goldoni che hanno voluto festeggiare i quarant’anni di questa storica sala donando, in maniera totalmente volontaria e con forte abnegazione, il proprio tempo e la propria manodopera per riportare il teatro allo splendore originario”.

“L’intervento principale, anche dal punto di vista dei costi, è sicuramente l’ottenimento del Certificato di Prevenzione Incendi – ha detto l’assessore Zuin – che prevede l’adeguamento dell’impianto elettrico e del sistema di vie di esodo. Si tratta di una questione antica e sofferta che abbiamo affrontato, decidendo di investire un milione e 200mila euro. I lavori sono già in corso, per cui sono stati spesi finora 583mila euro, e continueranno perché il nostro obiettivo era la messa a norma e la sicurezza del teatro. A questo si aggiunge il finanziamento di ulteriori 250mila euro che il Comune ha messo per il rinnovo delle 330 poltroncine e della moquette della platea. E’ un segnale forte che l’Amministrazione ha voluto dare al teatro della città e ai cittadini, che meritano la comodità e la migliore tecnologia”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".