giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

L’allarme di Confcommercio sui ristori. Il sit-in degli imprenditori

Homeaiuti per CovidL'allarme di Confcommercio sui ristori. Il sit-in degli imprenditori

L’allarme di Confcommercio Venezia sui ristori agli imprenditori: “Roma annuncia che è tutto a posto, invece non è così. E’ La segnalazione e richiesta d’aiuto lanciata oggi, 11 gennaio 2021, da Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia.
“Anche oggi, da Roma, attraverso autorevoli esponenti di governo, è stato annunciato che tutti i ristori previsti dal “decreto Natale” sono arrivati sui conti correnti dei titolari di attività interessate da restrizioni” scrivono dalla confederazione, aggiungendo però che ciò non risulta, per le numerose segnalazioni che stanno giungendo da parte degli imprenditori preoccupati.
“Dal governo – dichiara il presidente Massimo Zanon – continuano a dirci che i ristori

sono stati erogati. Noi, purtroppo, dobbiamo constatare che non ci corrisponde e che ogni giorno che passa, più imprese rischiano la sopravvivenza; inoltre non vorremmo che a qualcuno saltassero i nervi. Non solo non sono arrivati i ristori previsti dal decreto Natale, ma non in pochi attendono ancora quelli di novembre”.
La possibile introduzione della zona rossa e del divieto per i pubblici esercizi di fare asporto dopo le 18, spiegano dalla confederazione metropolitana, rischia di peggiorare ulteriormente una situazione già pesante.
“Noi ribadiamo ancora una volta – riprende Zanon – che le parole d’ordine devono essere: immediatezza e adeguatezza.
Se i ristori non hanno queste caratteristiche, per molte attività la chiusura sarà ineludibile.
Chi è al governo, prima di lanciarsi in proclami, verifichi bene qual è la situazione e si attivi per fare in modo di poter dire al più presto, stavolta sì a buona ragione, che i ristori

sono stati erogati”.
SIT-IN A PADOVA
Nel frattempo, oggi a Padova si è tenuto un sit-in di Confcommercio davanti alla sede della Prefettura.
“Prima erano in giallo, poi sono passati in arancione, adesso, con ogni probabilità, finiranno in rosso – scrivono da Confcommercio Veneto – forse anche col divieto per i pubblici esercizi di fare asporto a partire dalle 18”.
“Ma noi, in verità, siamo già in nero, colore che significa che migliaia di imprese, nell’arco di poche settimane, senza ristori immediati e adeguati, saranno costrette a chiudere”. E’ il grido di dolore espresso dal presidente di Confcommercio Veneto Patrizio Bertin.
Al suo fianco, tra gli altri, sono intervenuti il segretario regionale della Fipe, Eugenio Gattolin, e il segretario provinciale di Appe, Filippo Segato.
Per il sit-in Confcommercio ha scelto un luogo simbolico, la prefettura, sede territoriale

del governo, per richiamare l’attenzione su una situazione divenuta ormai insostenibile. Significativamente, a terra è stato disteso un tappeto lungo vetri metri suddiviso a fasce: gialla, poi arancione, quindi rosso e infine, molto più lungo dei primi tre tratti, nero.
“Siamo arrivati al punto che non chiediamo nemmeno più di fare impresa, perché questo ci è impedito, ma almeno che ci sia consentito di sopravvivere”, ha dichiarato Bertin, sorreggendo un cartello emblematico in cui c’era scritto: “Rispettosi e mazziati”, ed esordendo con la celebre frase di “Quinto potere” per sostenere come si sia giunti a un punto di non ritorno: “Mentre a Roma – ha affermato – continuano a pensare a come ridistribuirsi le cariche, noi andiamo incontro alla morte delle nostre imprese”.

“Nessuno nega che ci sia un problema sanitario enorme – ha proseguito – ma nessuno deve pensare che non ci sia anche una pandemia economica che, se non sarà corretta, rischia di lasciare le nostre città senza bar, senza ristoranti e senza negozi nonché le famiglie nostre e dei nostri collaboratori senza reddito”.

Un altro segno della manifestazione simbolico è stato il tavolino preparato senza sedie per sottolineare, come ha spiegato Segato, che non c’è la possibilità di accogliere i clienti e le attività vanno a spegnersi.
Ma il sit-in organizzato da Confcommercio ha acceso un riflettore anche su tante altre situazioni di estrema difficoltà nel comparto del terziario, di fatto se non proprio azzerato, sicuramente alle corde.
Così hanno preso la parola, o erano presenti, oltre a baristi e ristoratori, anche rappresentanti delle sale da ballo, degli ambulanti, del comparto del wedding, degli agenti di commercio, delle scuole di lingue.
“Non c’è più tempo – l’appello finale di Bertin – Dal governo ci attendiamo risposte rapide e soprattutto di non essere gli unici a pagare”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Venezia e la crisi del turismo: una guerra a colpi di ribassi

Venezia, la crisi del turismo, ovvero: hotel a “tre stelle” per 23 euro. Chi pensava che il turismo a Venezia avesse già toccato il fondo sarà costretto a ricredersi. La drastica diminuzione degli arrivi unita alla saturazione del mercato ricettivo hanno...