23.1 C
Venezia
sabato 19 Giugno 2021

SIMIONATO: L' UOMO ARRESTATO NON E' DI VIA VALLENARI

HomeCittà Metropolitana di VeneziaSIMIONATO: L' UOMO ARRESTATO NON E' DI VIA VALLENARI
L’assessore comunale alle Politiche sociali, Sandro Simionato, in merito all’arresto del sig. Valerio R., avvenuto nel corso della giornata di ieri, ha rilasciato la seguente precisazione:
“L'uomo non risiede né formalmente, né di fatto, nel campo di via Vallenari. Egli infatti risulta essere senza fissa dimora, cioè, come capita in questi casi, risulta ufficialmente residente in via Casa Comunale 1. Non sappiamo dove di fatto abbia la dimora, quello che è certo è che è stato cancellato dall’anagrafe di via Vallenari già  a partire dal 2006, dopo le necessarie verifiche espletate dagli uffici dell’anagrafe competente. Ricordo che la cancellazione dall’elenco dei residenti del campo di via Vallenari 19 e 19/A è avvenuta a seguito del certosino lavoro di verifica e aggiornamento anagrafico svolto dal servizio Etam del Comune di Venezia.
Grazie al riordino complessivo delle residenze, attuato in collaborazione con l’ufficio anagrafe della Municipalità  di Mestre, Etam ha potuto realizzare un puntuale accertamento degli effettivi abitanti del campo e constatare che in taluni casi alcune persone non vi alloggiavano più addirittura da anni. Tale verifica ha portato alla loro cancellazione dall’elenco dei residenti di via Vallenari. Nel caso specifico, l'uomo arrestato ieri, già  a partire dal 1998, vale a dire dall’avvio dell’intervento sociale dell’Etam, non risiedeva più al campo e dalle testimonianze raccolte dagli operatori sociali la sua assenza risaliva agli inizi degli anni ‘90. Mi auguro che questa precisazione serva ad evitare che i soliti noti usino ancora una volta in maniera strumentale una notizia di cronaca.
Infine, mentre qualcuno ritiene che la sicurezza dei cittadini possa essere garantita strutturando e formando “ronde” più o meno improvvisate, le forze dell’ordine, che ringrazio per il costante e fruttuoso lavoro che continuano quotidianamente a svolgere, sono costrette ad operare in condizioni sempre più difficili a seguito dei pesanti tagli operati dal governo di centro-destra”.

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor