18.9 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

La sconfitta del Milan fa riflettere, meglio fermarsi e ricostruire

HomeCalcioLa sconfitta del Milan fa riflettere, meglio fermarsi e ricostruire

la sconfitta del milan

I rossoneri si congedano dall’Europa che conta davvero, e chissà quando potranno tornarci, visti i risultati in classifica: la sconfitta del Milan è un danno che va ben oltre la semplice perdita della partita o l’uscita dalla Champions.
Il Milan esce in una notte di primavera che doveva risvegliare energie nascoste, e invece è sprofondata nell’apatia.

Tutti sognavano un Milan campione, bisogna dirlo, anche per via del motivatore Clarence Seedorf che doveva stimolare l’ambiente a colpi di ricordi grandiosi e di storia, perché chi meglio di lui conosce il senso del Milan per la Champions? Invece la sconfitta del Milan riporta tutti alla realtà: in due minuti dalla banda di Simeone mette a posto la cosa, anche se il suo imporsi non dura più di un quarto d’ora di gioco vero. «La squadra psicologicamente fa fatica a reagire quando va sotto» dice Seedorf, ma è vero anche che per troppo tempo la sua squadra ha dovuto rincorrere e poi, inevitabilmente, è arrivata la sconfitta.

Se c’è un volto che rappresenta meglio la sconfitta del Milan nell’amara notte di Madrid è quello di Mario Balotelli. SuperMario alla fine si tiene il viso con le mani per il dispiacere. A lui si chiedeva di fare il leader, lo si è visto invece prendersela con Abate che aveva buttato fuori una palla con un avversario a terra, ciondolare come in una qualsiasi domenica di campionato, tirare un paio di punizioni, chiedere un inesistente rigore, farsi ammonire per proteste, spintonarsi con Luis Filipe, non capirsi con Pazzini e rivolgersi a Seedorf nella veste di traduttore, infine scambiarsi la maglia con il vero protagonista Diego Costa.

Alla fine, non è di questo Balotelli che ha bisogno il Milan. Conta poco il fatto di farlo giocare con Pazzini solo a partire dal 24’ del secondo tempo: Mario non ha preso la squadra per mano, si è fatto trascinare dalla corsa di un Poli e dal guizzo di Kakà, anche mentre si profilava la sconfitta gli unici ad aver tenuto in piedi l’illusione.

I difetti di questo Milan sono sempre gli stessi, quelli sui quali sbatteva la testa anche Max Allegri, che l’anno scorso ne ha presi quattro in Spagna, ma dal miglior Messi e dai suoi fratelli (senza Pazzini e Balo): errori individuali, disattenzioni, fatica a segnare e la consueta abitudine a prendere reti di testa. La sconfitta del Milan fa parte degli incidenti che capitano, come dice Seedorf, ora però la strada non si sa dove possa portare, forse è meglio fermarsi e pensare a una rifondazione.

Roberto Dal Maschio

[12/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.