Scandalo Mose, Mazzacurati non parlerà più, punto per le difese?

ultimo aggiornamento: 30/05/2015 ore 18:21

98

scandalo mose di venezia mazzacurati non parlerà

Respinta la richiesta di incidente probatorio inoltrata dai rispettivi avvocati dell’ex sindaco Giorgio Orsoni e dell’ex europarlamentare di Forza Italia, Lia Sartori, entrambi accusati di finanziamento illecito dei rispettivi partiti. Motivazione? Giovanni Mazzacurati, l’ex presidente del Consorzio Venezia Nuova, non è idoneo a sostenere un interrogatorio.
Così ha deciso il giudice Alberto Scaramuzza, dopo aver notato che già nell’interrogatorio del settembre scorso, davanti al giudice della California per conto del Tribunale dei ministri che giudicava l’ex ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli, Mazzacurati aveva dato segnali di decadimento.
Ad accusare Orsoni e la Sartori, sono stati i pubblici ministeri Stefano Ancilotto, Paola Tonini e Stefano Buccini, dopo le dichiarazioni dello stesso l’ex presidente del Consorzio Venezia Nuova.
I difensori dei due imputati, avevano così chiesto un incidente probatorio, prima dell’udienza preliminare e del processo, ma l’avvocato di Mazzacurati ha consegnato al giudice la documentazione medica in cui si afferma che non ricorda più nulla e che soffre di una patologia cardiaca molto grave. Scaramuzza ha accolto l’istanza e ha spiegato che l’accusatore dei due non potrà più essere ascoltato.
A questo punto, i verbali degli interrogatori di Mazzacurati, resi davanti ai pm, saranno acquisiti, come ha chiesto Stefano Ancilotto, ed inseriti nel fascicolo che il giudice Andrea Comez, prenderà in considerazione in merito alla richiesta di rinvio a giudizio degli indagati da parte della Procura, e nel caso, dovrà processare chi chiederà di farlo con il rito abbreviato.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here